Veleni nel Sarno, Scafati e Pompei marciano per l'ambiente


Cinquecento persone in marcia per difendere le terre di Pompei e Scafati. Un no secco all'inquinamento che, quotidianamente, porta veleni nel Sarno e nei suoi affluenti. Massiccia l'adesione all'iniziativa messa in campo dai comitati civici delle comunità dell'Agro e dell'hinterland vesuviano. Una manifestazione che ha coinvolto tutti, anche i politici che hanno risposto in massa all'invito dei cittadini che, nei giorni, scorsi si sono mobilitati sul territorio per far sentire la propria voce. Muniti di mascherine antismog, fischietti e striscione hanno ribadito con forza il diritto alla salute che, per colpa di pochi, viene minato quotidianamente. La marcia, iniziata nel territorio comunale di Pompei, è culminata con l'arrivo davanti al Comune di Scafati.
Questo sito utilizza cookies tecnici e di profilazione e consente l'uso di cookies a "terze parti" che permettono di inviarti informazioni inerenti le tue preferenze. Se non desideri riceverli ti invitiamo a non navigare in questo sito ulteriormente. Continuando la navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookies. Scopri l'informativa e come negare il consenso. Ho capito, chiudi questo avviso