Corona: le confessioni inedite su Belen Rodriguez e Nina Moric

metropolisweb,  

Corona: le confessioni inedite su Belen Rodriguez e Nina Moric

Sembra assurdo dirlo ma la galera e’ uno dei ricordi piu’ belli di tutta quanta la mia vita, perche’ ho vissuto e ho provato delle emozioni che non avrei mai provato”. Dopo i tre anni e tre mesi passati in carcere, l’affidamento ai servizi sociali e il percorso intrapreso per rifarsi una vita, Fabrizio Corona non smette di far discutere e dividere l’opinione pubblica. Sabato 21 maggio, a Verissimo, l’ex agente fotografico sara’ protagonista di una lunga intervista, nel corso della quale emergera’, per la prima volta, la sua parte piu’ emotiva, intima e famigliare. A Silvia Toffanin Fabrizio raccontera’ il periodo passato dietro le sbarre – “L’emozione che ho provato nel momento in cui sono uscito dal carcere non si puo’ spiegare – le sue grandi storie d’amore – io l’avrei sempre sognato un figlio con Belen, lei sara’ una grande madre – e, soprattutto, se questa drammatica esperienza lo abbia cambiato – “Le persone non cambiano, possono migliorare. Oggi sono una persona diversa nel modo di pormi, con la societa’ e nei modi di rispettare la legge”. Inoltre, Alena Seredova intervistera’, in esclusiva per Verissimo, Cindy Crawford e Jonathan incontrera’ Zucchero. Infine, per tutte le fan de Il Segreto, sara’ ospite Matias, interpretato dall’attore Ivan Montes. . Di Nina Moric, in particolare: «Sapere che è stata mia moglie mi fa sentire un fallito». Allora, gli chiede la conduttrice, «voglio sapere perché manchi così di rispetto alla madre di tuo figlio». Spiega lui: «L’ho sempre giustificata, per anni. Forse, se avesse trovato un uomo migliore, ora non sarebbe così. Sono l’uomo più sbagliato che potesse trovare. Eravamo giovani… A 20-21 anni era la donna più bella al mondo, poteva avere tutti e ha scelto me, un ragazzo semplice, uno non ricco, ma che amava. È stato un amore molto folle». E poi? «Poi io ho sbagliato con lei e lei ha sbagliato con me ma, quando c’è un bambino di mezzo, devi andare oltre le cose, non puoi fare guerre, litigi… Sai che tuo figlio soffre perché suo padre è in carcere». E oggi? «Non l’ho mai vista, non ci parliamo. Avrei pagato per potermi sedere di fronte a lei con una birra e parlare, e piangere, per il bene di nostro figlio: ma è come parlare con un muro, una persona vuota». Ma «l’hai fatta impazzire?» gli chiede la Toffanin. E Corona: «Sì, sono la causa di tutti i suoi guai. Però non posso fare mea culpa per tutta la vita. È inaiutabile. Oggi, se uno vuol farsi aiutare, si fa aiutare… Mia madre ha cercato in tutti i modi di aiutarla, ma lei non si fa aiutare, porta un odio dentro, irrefrenabile». Parole dure di cui, precisa Corona, «mi prendo tutta la responsabilità».

CRONACA