Salernitana, la vittoria non basta. Granata ai playout con il Lanciano

metropolisweb,  

Salernitana, la vittoria non basta. Granata ai playout con il Lanciano

Vittoria sì, ma con rimpianto. Non basta alla Salernitana il successo interno con il Como per festeggiare la salvezza diretta in B. Per dodici minuti la squadra granata assapora il colpo grosso, grazie alla realizzazione di Lapadula al quale però Dumitru risponde in apertura di ripresa. Intanto la Salernitana fa il suo facendo il compitino, con la testata di Donnarumma ad indirizzare un match per niente scoppiettante. L’avvio è subito un assedio granata: Tuia sfiora il gol di testa, Giosa anticipa miracolosamente Donnarumma mentre Coda impegna Crispino. Al 5’ però la Salernitana passa: cross di Rossi e Donnarumma di testa sovrasta Crispino facendo esplodere l’Arechi. L’assedio è totale: non passa nemmeno un minuto e Donnarumma manca la doppietta personale esaltando l’estremo difensore del Como. L’ex Teramo perde di colpo la lucidità, colpendo il palo da pochi passi a Crispino battuto. La Salernitana controlla il ritorno non proprio roboante del Como e, al 27’, si divora il raddoppio con Zito che, su assist sontuoso di Nalini, colpisce Crispino da metri zero. La partita si ravviva, con Bessa che mette i brividi all’Arechi prima dell’urlo strozzato in gola per la conclusione di poco a lato di Colombo. Ghiottissima la chance alla mezz’ora sprecata da Donnarumma, alla ricerca di un assist per Colombo invece della conclusione a botta sicura. La ripresa parte con la sostituzione di Moro, non al meglio, e l’ingresso in campo di Odjer. La prima chance capita sul destro di Nalini, potente ma ribattuto da Crispino. Il Como non ci sta e mette i brividi a Terracciano al 61’, quando Madonna s’invola sulla destra e sfiora l’incrocio dei pali. Il Como si scuote e timidamente prova a far paura ad una Salernitana remissiva ed in difficoltà. Di emozioni però non ne arrivano, con le due squadre che si trascinano fino al triplice fischio finale in attesa di una buona notizia da Pescara che però non arriva. La Salernitana dovrà giocarsi la salvezza ai playout: l’avversario è il Lanciano, ma le decisioni della giustizia sportiva potrebbero stravolgere tutto.

 

CRONACA