Tonelli: “Sarri e Conte grandi lavoratori”

metropolisweb,  

Tonelli: “Sarri e Conte grandi lavoratori”

Tonelli, neo acquisto del Napoli ha parlato in conferenza stampa a Coverciano, dal ritiro della Nazionale italiana.

“Conte mi sembra molto preparato a livello tattico, lavora molto. C’è molto da imparare. Sono qui per abituarmi a questa alta intensità e conoscere nuovi modi di giocare. In questo momento non penso a Sarri, a Giampaolo, a nessuno. Penso a dove sono, penso a Conte. Vorrei riuscire ad imparare qualcosa dai giocatori abituati a vivere questo clima. Farei volentieri la riserva, anche il porta-borracce.” 

Per il Sarri che ho conosciuto io, ci sono delle differenze per quanto riguarda il modo di difendere. Sarri predilige che il difensore guardi solo la palla, Conte invece è più improntato sull’uomo. Entrambi però sono grandi lavoratori disponibili al dialogo”.

Ho studiato giurisprudenza, ho fatto due esami ed ho smesso. Sapevo che se non avessi fatto il calciatore, qualcosa avrei dovuto fare. Non penso che sarei diventato un dottore, la loro vita non mi entusiasmava. Mi sarebbe piaciuto diventare un preparatore, qualcosa di legato allo sport. Probabilità di andare agli Europei? Non ne ho idea, non mi do percentuali. So che devo fare un percorso e se do il massimo posso avere un 1%. La maglia della Nazionale è un grosso fardello. Una volta spiai la Nazionale e mi mandarono via. Sognavo l’Azzurro quando ero alla Settignanese… mi chiedevo se mai mi sarei trovato qui. E’ una cosa un po’ incredibile se penso alla strada che ho fatto per pochi metri di distanza.”
 

CRONACA