Power & Revolution, un gioco terribilmente serio

metropolisweb,  

Power & Revolution, un gioco terribilmente serio

Quello dei videogiochi di simulazione e di strategia è un segmento del gaming che ha un crescente successo. Sviluppato a partire dal 2004, Geopolitical Simulator, alias G.P.S., è un progetto, della società francese Eversim, unico nel suo genere. È un gioco per PC in costante evoluzione, grazie ad un team di sviluppatori e specialisti, che hanno come obiettivo quello di proporre una simulazione sempre più completa del mondo in cui viviamo—con dati aggiornati regolarmente—e di sviluppare nuovi scenari che tengano conto degli avvenimenti mondiali e degli sconvolgimenti geopolitici.

Per tutti gli appassionati di politica, ma anche di economia, per chi segue con interesse le vicende legate all’imminente voto presidenziale negli USA con la battaglia a colpi di gossip tra Hillary Clinton e Donald Trump, per chi vorrebbe mettersi nei panni di Renzi e provare a portare l’Italia fuori dalla crisi, definendo politiche sociali più eque e dicendo la propria anche in materia di flussi migratori (altro tema scottante del momento), arriva la quarta versione di G.P.S., Power & Revolution.

In questa simulazione geopolitica del mondo, i giocatori possono impersonare un capo di stato o di governo (presidente, re, primo ministro ecc.) di un paese che scelgono dall’inizio. Possono intervenire in svariate aree: economica, sociale, politica (interna ed estera), ambientale, culturale, trasporti ecc. Il giocatore può anche impersonare un gruppo dell’opposizione in qualsiasi stato del mondo attuale e tentare di rovesciare il potere, democraticamente o con la forza.

Tutti i paesi del mondo sono rappresentati con le proprie variabili e i loro modi di funzionamento. Il gioco include fasi di gestione economica, commercio, guerra, costruzione, spionaggio, simulazione e manipolazione politica. Sono integrati i dati geopolitici ed economici aggiornati al 1 gennaio 2016, ma anche 20 nuovi possibili scenari relativi ai conflitti attuali (Siria, Iraq, Libia, Ucraina, Nigeria, …) e altri temi, come «Rivoluzione!», «Lotta per l’indipendenza», «Elezioni US 2016», «Le nozze del presidente francese», «Impegno degli USA contro il riscaldamento globale».

Il motore di simulazione di Power & Revolution tiene in considerazione tutti gli attuali conflitti al mondo, che sono mappati e configurati con i diversi paesi, gruppi e forze presenti. In qualità di leader, il giocatore può tentare di trovare una risoluzione ai conflitti utilizzando diverse strategie.

Tra le novità più significative del gioco un’interfaccia ridisegnata e ottimizzata, elementi strategici sviluppati anche per i conflitti urbani, nuove tattiche come i droni, supporto per schermi multipli e 4K.

Power & Revolution, Geo-Political Simulator 4 è in vendita al prezzo di 49,95 euro, con sconto del 25% in caso di aggiornamento della versione precedente.

CRONACA