Estorsione nel nome del clan nella Piana del Sele, il congedo da Oscar degli arrestati

metropolisweb,  

Estorsione nel nome del clan nella Piana del Sele, il congedo da Oscar degli arrestati

BATTIPAGLIA – Un congedo da cinema. Anzi, da piccolo schermo. Hanno fatto la loro comparsa nel cortile della caserma di Battipaglia di buon mattino, i cinque arrestati nell’ambito del blitz “Game Over”. I quali, prima del trasferimento in carcere, non hanno mancato di rivolgere un saluto ai parenti, mandando baci a destra e a manca con la consapevolezza di avere i riflettori puntati addosso, e che a pochi metri, oltre all’occhio vigile dei carabinieri, c’era anche quello delle telecamere, pronte a immortalare l’uscita di capoclan e scagnozzi. Scene “alla Gomorra”, pur sapendo, gli arrestati, di non avere alcuna necessità di fregiarsi di particolari marchi di fabbrica oltre a quello, conclamato, dei Pecoraro-Renna. E d’altronde, come emerso dalle approfondite indagini condotte dai carabinieri, ciò che ha connotato le azioni messe in atto in un periodo poco superiore ai due anni (dall’aprile 2014 al giugno 2016), è proprio il metodo mafioso, e soprattutto l’obiettivo di esercitare l’egemonia sulle attività di Picentini e Piana del Sele (Montecorvino Pugliano e Rovella, Pontecagnano, Eboli, Battipaglia, Campagna e, indirettamente, la stessa Salerno). Un dato di fatto che peraltro tenderebbe a stridere con alcune delle metodologie adoperate, come ad esempio quella del “cavallo di ritorno”, nei confronti di un finanziatore di Campagna, generalmente prediletta da malviventi di basso profilo.

+++GLI APPROFONDIMENTI NELL’EDIZIONE ODIERNA DEL QUOTIDIANO METROPOLIS+++

CRONACA