OPERAIO MORTO. Lascia la moglie e due figli, l’amico: «Non è giusto»

metropolisweb,  

OPERAIO MORTO. Lascia la moglie e due figli, l’amico: «Non è giusto»

Era dedito al lavoro di operaio e alla famiglia il quarantenne Sergio Bove, di Roccapiemonte, deceduto stamane dopo la caduta da un’impalcatura: l”infortunio mortale si è verificato mentre l’uomo era impegnato in opere di manutenzione per conto di una cooperativa all’interno di un’azienda conserviera di Nocera Superiore. Dopo il volo e il colpo alla testa, l’intervento del personale del centodiciotto ha provato interventi di emergenza, senza esito. Sulla vicenda c’è il fascicolo aperto per omicidio colposo dai carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore. Struggente il ricordo di amici e conoscenti, rimasti senza parole di fronte alla tragedia, con lo sconcerto per la moglie Daniela e i due bambini piccoli che adorava. «Famiglia, casa e lavoro – scrive un amico fraterno via social- non è giusto»

CRONACA