Liste d’attesa e mazzette all’ospedale di Salerno, la scure della Corte dei Conti su medici e dirigenti

metropolisweb,  

Liste d’attesa e mazzette all’ospedale di Salerno, la scure della Corte dei Conti su medici e dirigenti

SALERNO – Quattro inviti a dedurre per aver provocato un danno all’Erario e d’immagine pari a 566mila euro. La scure della Corte dei Conti si abbatte sui medici e i dirigenti dell’ospedale Ruggi coinvolti nell’inchiesta sulle mazzette per superare le liste d’attesa che lo scorso aprile ha portato all’arresto di quattro persone. Dovranno comparire davanti alla giustizia contabile Luciano Brigante, Gaetano Liberti, Renato Saponiero e Anna Rita Iannicelli, ritenuti responsabili dalla Procura di Salerno dell’ennesimo scandalo che ha travolto l’ospedale di Salerno. Le indagini, in particolare, hanno consentito di documentare le richieste concussive avanzate a 10 pazienti, sottoposti ad intervento chirurgico per cifre che oscillano tra i 1.500 e i 20.000 euro. In due casi, i pazienti – non per un ravvedimento del primario, bensì per interventi esterni effettuati da altri medici nei confronti dello stesso professionista – non hanno versato alcun compenso al predetto , fruendo legittimamente del servizio sanitario nazionale. Pertanto, l’Autorità Giudiziaria contabile, per quanto di competenza all’esito delle attività investigative ha contestato ai 4 presunti responsabili un danno procurato all’Erario, complessivamente quantificato nella somma di 566mila euro, nelle forme del danno patrimoniale da tangente e da disservizio, nonché nel danno non patrimoniale derivante dalla lesione dell’onore e del decoro del Servizio Sanitario Nazionale e soprattutto dei suoi dipendenti. Al primario del reparto, infine, è stato addebitato anche l’ulteriore danno erariale per la violazione delle norme sull’esclusività, quantificato in 36.727,40 euro.

CRONACA