Torre del Greco, risolta l’emergenza gelo nelle scuole. Ma Maida attacca: «Restano le criticità»

metropolisweb,  

Torre del Greco, risolta l’emergenza gelo nelle scuole. Ma Maida attacca: «Restano le criticità»

Torre del Greco. Incubo gelo nelle scuole cittadine: scattano le “ispezioni” del presidente della commissione trasparenza all’interno di 4 istituti comprensivi del territorio. Al termine di una settimana caratterizzata da varie emergenze e proteste, Domenico Maida – capogruppo di Idv in consiglio comunale – si è recato, insieme a una squadra di tecnici del settore, in varie scuole per verificare il funzionamento di impianti di riscaldamento e termosifoni. In particolare, le ispezioni fai-da-te hanno interessato la «Mazza-Colamarino», la «Don Bosco-D’Assisi», la Gianpietro Romano di via Nazionale, due plessi della scuola «Giacomo Leopardi» e la succursale di via Cesare Battisti dell’istituto comprensivo Enrico De Nicola. «Dai sopralluoghi effettuati, fortunatamente, non si sono riscontrate serie criticità – afferma il presidente della commissione trasparenza – Ciò non toglie che abbiamo accertato diverse anomalie nonché radiatori non funzionanti o addirittura completamente isolati».

Di qui, la decisione di proseguire il tour ispettivo in tutti i restanti istituti comprensivi per procedere alla stesura di una relazione dettagliata di tutti gli impianti di riscaldamento con tutte le criticità riscontrate durante i sopralluoghi. «La relazione sarà consegnata al sindaco Ciro Borriello – sottolinea l’esponente dell’opposizione – e a tutti gli organi ed uffici competenti. Mi sia consentito un particolare ringraziamento ai dirigenti scolastici, ai collaboratori scolastici e alle insegnanti pronte autonomamente a fronteggiare le emergenze con tutti i mezzi a disposizione sopperendo così alle mancanze dell’amministrazione comunale».

Mancanze a cui – durante il fine settimane – il sindaco Ciro Borriello aveva già “riparato” attraverso un’apposita ordinanza con cui veniva disposta per i giorni dal 16 gennaio al 31 gennaio l’accensione anticipata alle ore 6 (e prolungata fino alle ore 18) degli impianti di riscaldamento in tutte le scuole per fronteggiare «il forte abbassamento delle temperature, inferiori alle medie stagionali»

CRONACA