Procura Figc, deferite due società del girone C di Lega Pro

metropolisweb,  

Procura Figc, deferite due società del girone C di Lega Pro

Il Procuratore Federale, a seguito di segnalazione della Covisoc, ha deferito al Tribunale Federale Nazionale Sezione Disciplinare l’amministratore unico e legale rappresentante del Messina, Franco Proto “per non aver corrisposto, entro il 18 aprile 2017, gli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di novembre e dicembre 2016 e comunque per non aver documentato alla Covisoc, entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps sopra indicati. In relazione ai poteri e funzioni dello stesso, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi”. Proto, rende ancora noto la Figc, è stato deferito anche per non aver corrisposto entro il 18 aprile le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli stessi emolumenti, mentre la società è stata deferita a titolo di responsabilità diretta”.

Sempre a seguito di segnalazione Covisoc, il procuratore ha deferito l’amministratore unico e legale rappresentante pro-tempore del Matera Calcio, Antonio Taccogna: “per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, per non aver corrisposto, entro il termine del 18 aprile 2017, le ritenute Irpef e i contributi Inps relativi agli emolumenti dovuti ai propri tesserati, lavoratori dipendenti e collaboratori addetti al settore sportivo per le mensilità di gennaio e febbraio 2017 e comunque per non aver documentato alla Covisoc entro lo stesso termine, l’avvenuto pagamento delle ritenute Irpef e dei contributi Inps sopra indicati. In relazione ai poteri e funzioni dello stesso, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi”. Il procuratore ha inoltre deferito il sindaco unico della società, Pasquale Lorusso: “per aver violato i doveri di lealtà probità e correttezza, depositando presso la Covisoc, in data 18 aprile 2017, una dichiarazione attestante circostanze non veridiche. Ciascuno con riferimento ai rispettivi poteri e funzioni, risultanti dagli atti acquisiti come trasmessi dalla Lega competente e ai periodi di svolgimento degli stessi”. La società, informa la Figc, è stata deferita a titolo di responsabilità diretta e oggettiva.

CRONACA