Pompei. La banda dei furti aveva una mappa dei colpi

metropolisweb,  

Pompei. La banda dei furti aveva una mappa dei colpi

Violenza sessuale, tassista abusivo inchiodato da un oggetto nella vettura
Torre Annunziata. Sim nascoste in cassaforte "c'è la finanza, falle sparire"

Avevano ideato una mappa dei colpi da mettere a segno giorno dopo giorno. Avevano studiato un piano preciso: le donne agivano, gli uomini si limitavano a fare da accompagnatori. «Ci vediamo alle 16, ok? Facciamo il solito giro, poi vediamo». Un giro di furti, commessi un po’ per tutti i grossi centri commerciali della Campania, dal Vulcano Buono di Nola al Centro di Caserta e La Cartiera di Pompei, smascherato dai carabinieri della città mariana – guidati dal maresciallo Tommaso Canino e coordinati dal maggiore della compagnia dei carabinieri di Torre Annunziata, Luigi Coppola – dopo mesi e mesi di indagini, monitoraggio fotografico, pedinamenti e intercettazioni. Un’inchiesta partita a dicembre del 2015. 

+++ L’ARTICOLO COMPLETO IN EDICOLA OGGI +++

CRONACA