Castellammare. Morto in una casa-tugurio, macchie di sangue sotto il corpo del 64enne

metropolisweb,  

Castellammare. Morto in una casa-tugurio, macchie di sangue sotto il corpo del 64enne

Scafati. Aliberti ha raggiunto Roccaraso, colloqui limitati con la moglie e con il padre e la madre su decisione dei giudici
Torre del Greco-Ercolano. Riciclava il cioccolato rubato, condannato fratello del pentito

Provando a spostare il corpo, i figli si accorgono che ci sono alcune macchie di sangue e questo impone di contattare le forze dell’ordine. Sul posto arrivano i carabinieri della compagnia di Castellammare, agli ordini del colonnello Filippo Melchiorre. Agli occhi dei militari si presenta uno scenario di assoluto degrado. La camera da letto dove viveva Luigi era sporca, piena di rifiuti e l’aria quasi irrespirabile. Una casa-tugurio nella quale l’uomo di 64 anni viveva da solo, quasi in stato di abbandono. I carabinieri allertano il magistrato di turno che dispone l’immediato sequestro della salma e l’autopsia, con l’obiettivo di stabilire le cause del decesso. L’esame è stato svolto solo ieri dal dottor Lombardi, medico legale di Torre Annunziata. Dalla sua perizia si scoprirà la verità sulla morte dell’uomo. 

CRONACA