«Onda è il mito dei baby boss» Il killer resta al carcere duro

,  

«Onda è il mito dei baby boss»  Il killer resta al carcere duro

Torre Annunziata – E’ stato uno dei principali protagonisti della stagione di sangue e vendette che hanno fatto piombare nel baratro Torre Annunziata. Un boss spietato e feroce capace di rappresentare un “modello” per i giovani affiliati. Ma anche un padrino con la pistola carica e il colpo in canna che potrebbe avere ancora contatti con ciò che resta del clan Gionta.

E’ così che i giudici del tribunale di sorveglianza di Roma dipingono la figura criminale di Umberto Onda, 47enne pluriergastolano ritenuto personaggio di vertice della cosca fondata da Valentino Gionta.

Leggi l’articolo completo sul quotidiano Metropolis http://metropolis.ita.newsmemory.com/

CRONACA