Cassazione: assegno di accompagnamento per chi rischia di cadere. Ricorso vinto da un 92enne

Redazione,  

Cassazione: assegno di accompagnamento per chi rischia di cadere. Ricorso vinto da un 92enne
epa02550127 (02/08) A photograph released on 26 January 2011, ahead of International Holocaust Remembrance Day, which falls on 27 January 2011, shows one Holocaust survivor pushing another through the halls in the Shaar Menashe Mental Health Center for Holocaust survivors in Pardes Hanna, Israel, 19 August 2010. Israel maintains the Shaar Menashe Mental Health Center solely for Holocaust survivors, which now holds some 70 patients. Most of the Israelis here suffered trauma as children during World War II and survived the death camps of the Nazis to suffer mental anguish for the remainder of their lives, often going from one mental institution to another, and never establishing families after immigrating to Israel in the post World War II years. There are some 230,000 Holocaust survivors living in Israel today and it is estimated that some 10 per cent of them need some mental treatment. EPA/GILI YAARI ISRAEL OUT ISRAEL OUT ***PLEASE REFER TO THE ADVISORY NOTICE (epa02550125) FOR COMPLETE FEATURE TEXT***

Roma  – Scatta il diritto all’assegno di accompagnamento per chi, a causa di patologie o degli acciacchi del tempo, e’ a rischio di cadere se non assistito adeguatamente da qualcuno che lo aiuta a non avere il passo malfermo quando anche la vista non e’ piu’ un alleato di cui fidarsi. Lo sottolinea la Cassazione accogliendo il ricorso di un anziano calabrese di 92 anni che ha solo mezzo grado di vista a entrambe gli occhi e anche se ancora distingue la luce ha gravi difficolta’ a usare il bastone sia per tastare il terreno che per mantenere la posizione eretta. Si apre cosi’ una speranza per Michele T., classe 1926, che da tanti anni, almeno a partire dal 2010, chiede con tenacia il riconoscimento dell’indennita’ di accompagnamento per l’aggravamento delle sue condizioni di ‘visus’ e per l’impossibilita’ di deambulare senza l’uso di un bastone che gli consenta “di conquistare la posizione eretta”. Dopo tante traversie giudiziarie, perizie e consulenze tecniche, adesso la Suprema Corte – con la sentenza 20819 depositata oggi – gli ha teso una mano, dopo che il Tribunale di Lametia Teme e poi la Corte di Appello di Catanzaro gli hanno ripetutamente detto di arrangiarsi negandogli l’aiuto economico dal momento che, secondo i giudici di merito, era in grado di badare a se stesso e “compiere le funzioni quotidiane di vita” “Il difetto di autosufficienza capace di giustificare il riconoscimento dell’indennita’ di accompagnamento ricorre certamente anche allorquando – ha invece stabilito la Cassazione – senza che si sia in presenza di una totale ed oggettiva impossibilita’ di movimento, la deambulazione del soggetto si presenti particolarmente difficoltosa e limitata (nello spazio e nel tempo) ed inoltre fonte di grave pericolo in ragione di una incombente e concreta possibilita’ di cadute, tanto da tradursi di fatto in una incapacita’ di compiere gli atti quotidiani della vita e da rendere, conseguentemente, necessario il permanente aiuto di un accompagnatore”. Ora la Corte di Appello di Catanzaro, in diversa composizione, deve rivedere il suo ‘no’ e, finalmente, ‘bisnonno’ Michele potra’ avere l’assegno per pagarsi un badante e anche gli arretrati, a far data dalla presentazione della domanda.

CRONACA