Napoli ora è Europa League. Ancelotti, usciamo a testa alta e senza rimpianti

Redazione,  

Napoli ora è Europa League. Ancelotti, usciamo a testa alta e senza rimpianti
11 Dicembre 2018 Stadio Anfield Uefa Champions League 2018/19 Liverpool - Napoli nella foto: Foto - Agostino Gemito -DarosPhoto

NAPOLI – “Non siamo usciti da cog…oni, ma a testa alta. Non abbiamo rimpianti, siamo andati oltre le più rosee aspettative, sapevamo che sarebbe stata un’impresa straordinaria. E’ mancata la buona sorte, ma sono certo che ci verrà ridata in Europa League”. Carlo Ancelotti nella notte di Anfield si mette subito la delusione alle spalle e rilancia la stagione del suo Napoli, un po’ abbacchiato dopo il ko contro il Liverpool e la fine dell’avventura in Champions League. Un sogno finito male, “c’è molto rammarico, -ha detto il sindaco Luigi de Magistris. Ci aspettavamo tutt’altra partita. Ma nel girone il Napoli è stato sfortunato, motivo per cui non c’è da fare alcun addebito”. Contro il Liverpool gli azzurri non sono riusciti a mettere la ciliegina sulla torta di un girone durissimo e a cui sono arrivati da primi in classifica all’ultima giornata, prima di chiudere terzi. I rimpianti, rivedendo il girone, ci sono: oltre allo 0-0 di Belgrado, sul numero di gol fatti che ha eliminato il Napoli pesa anche la rete del 3-1 subita dai serbi al SanPaolo. Rimpianti, numeri, beffe. Come quelle di Rebecca Tavares, moglie di Fabinho, che ha sbeffeggiato il Napoli su Twitter postando ironicamente le dichiarazioni pre partita di Ancelotti e Mertens sul fatto che l’atmosfera di Anfield non avrebbe influito sulla gara. I rimpianti sono sportivi ma anche economici visto che gli ottavi di Champions avrebbero portato un tesoretto da circa dieci milioni di euro tra bonus e incasso a cui le casse azzurre devono ora rinunciare. Ma il Napoli guarda avanti e Ancelotti proverà a giocarsi l’Europa League fino in fondo: l’attesa ora è per il sorteggio dei sedicesimi in programma lunedì prossimo. Il Napoli sarà testa di serie nell’urna e quindi potrà prendere una delle quattro peggiori terze classificate della Champions League o una delle seconde classificate dei gironi di Europa League. Dopo il girone di ferro, gli azzurri possono sperare in un sorteggio meno duro per cominciare a puntare alla finale di Baku, in un percorso che procederà parallelo con il Chelsea di Maurizio Sarri. Ora torna però di scena il campionato: Ancelotti ha lasciato alla squadra un giorno libero, si torna a Castel Volturno domani per preparare la sfida al Cagliari di domenica pomeriggio.

Foto©Gallo-Gemito Foto&Fatti

CRONACA