Vesuvio: in caso di eruzione i cittadini di Pompei trasferiti in Sardegna via mare

Redazione,  

Vesuvio: in caso di eruzione i cittadini di Pompei trasferiti in Sardegna via mare
Vigili del fuoco sul luogo della protesta dei lavoratori della cooperativa Vesuvio che si sono calati all'interno del cratere del vulcano per protestare contro i licenziamenti, 23 aprile 2012. ANSA/CESARE ABBATE

POMPEI – In caso di eruzione del Vesuvio i cittadini di Pompei sarebbero trasferiti in Sardegna. Lo prevede il piano di evacuazione della città campana che, in base alle disposizioni del capo della Protezione Civile, deve sottoscrivere degli appositi protocolli di intesa per gestire l’eventuale rischio vulcanico. Per questo scopo oggi, al Comune di Pompei, è stata convocata una prima riunione anche alla presenza dei delegati della Protezione Civile regionale della Sardegna, dell’amministrazione comunale del centro campano e della Regione Campania. Durante l’incontro sono stati messi in luce i principali aspetti organizzativi e operativi, a partire dalla necessità di censire la popolazione di Pompei, che si aggira intorno ai 25mila abitanti, anche in funzione di esigenze specifiche e disponibilità legate al trasferimento in Sardegna. L’evacuazione avverrebbe via mare, attraverso il porto di Salerno, con imbarcazioni coordinate dalla Protezione Civile regionale sarda. La riunione è stata aggiornata a domani.

CRONACA