«Istiga a drogarsi» Sfera Ebbasta indagato dalla procura

Redazione,  

«Istiga a drogarsi» Sfera Ebbasta indagato dalla procura

La Procura di Pescara ha aperto un fascicolo per istigazione all’uso di sostanze stupefacenti a carico del ‘trap boy’ Gionata Boschetti, in arte Sfera Ebbasta. L’indagine è stata aperta a seguito dell’esposto presentato da due senatori di Forza Italia, Lucio Malan e Massimo Mallegni. I due senatori hanno presentato l’esposto in almeno altre 15 procure, individuate come destinatarie in quanto in quei luoghi si sarebbero svolte tappe del tour del cantante. Il nome di Sfera Ebbasta è legato anche alla tragedia della discoteca Lanterna Azzurra di Corinaldo (Ancona), dove tra lo scorso 7 e l’8 dicembre persero la vita 6 persone, cinque giovanissimi, e una madre che accompagnava la figlia. Il 12 luglio scorso Sfera Ebbasta tenne un concerto nell’ex Cofa a Pescara. Per accertare queste circostanze la procura ha dato incarico di svolgere specifiche indagini alla polizia giudiziaria. I due senatori nel loro esposto sostengono che, oltre a «frequenti oscenità», i testi delle canzoni di Sfera Ebbasta «si riferiscono pressochè tutte all’uso di droghe e spesso al loro spaccio, senza mai accennare alle negatività di tali pratiche, anzi prospettando tale stile di vita come simbolo di successo». L’apertura del fascicolo ha fatto commentare al il senatore di Forza Italia, Massimo Mallegni di ‘«Apprezzare molto l’intervento della Procura di Pescara. Siamo stati una sorta di megafono di una preoccupazione che era già latente e che sembra essere entrata anche nel tessuto sociale delle famiglie. Noi non siamo dei bacchettoni, io mi ritengo un cristiano peccatore, però ovviamente questo diventa un problema sociale, di sicurezza e di diffusione delle droghe». In difesa del cantante si sono schierati i radicali. «Una denuncia come questa rappresenta un’iniziativa di sciacallaggio a rimorchio di una tragedia come quella della discoteca Lanterna Azzurra. Se il bersaglio è rappresentato dalle ‘frequenti oscenità’ dei testi delle canzoni di Sfera Ebbasta e dai riferimenti ‘all’uso di droghe e allo spaccio, senza mai accennare alle negatività di tali pratiche, anzi prospettando tale stile di vita come simbolo di successo’, allora c’è un’ampia discografia mondiale da portare sul banco degli imputati», dichiara Antonella Soldo, tesoriera di Radicali Italiani.

CRONACA