Strage dei D’Alessandro L’ultimo processo a Omobono e Scarpa

Redazione,  

Strage dei D’Alessandro L’ultimo processo a Omobono e Scarpa

CASTELLAMMARE DI STABIA – Cinque ricorsi, centinaia di pagine divise tra atti, documenti e motivi d’impugnazione. Un fascicolo enorme, una pila di scartoffie messe insieme per provare a cancellare la maxi-stangata arrivata a febbraio dello scorso anno. E’ l’ultima chiamata per i nuovi boss stabiesi. Dentro o fuori, senza più appello. Il processo ai killer della faida di Castellammare di Stabia è arrivato alle battute finali. A luglio è stato fissato l’ultimo braccio di ferro di una battaglia legale durata dieci, lunghissimi anni. Sarà la Cassazione a decidere. A firmare un verdetto che fa già tremare ciò che resta di quell’organizzazione criminale pronta – così teorizza l’Antimafia – a mettere in ginocchio niente meno che il clan D’Alessandro.

Il processo

Colpire i vecchi padrini per mettere le mani sull’affare delle estorsioni, la bonifica del Sarno e il nuovo polo turistico: era questo il piano segreto di Michele Omobono e Massimo Scarpa, i due ras che sognavano di spodestare Scanzano. Per questo avrebbero ordinato gli omicidi eccellenti di Giuseppe Verdoliva, alias Peppe l’autista, e Antonio Martone. Due pezzi da novanta del clan D’Alessandro.

Ciro Formisano

Leggi l’articolo completo su Metropolis in edicola o vai alla versione digitale

http://metropolis.ita.newsmemory.com/ 

CRONACA