Scandalo luminarie a Torre del Greco: l’ex assessore Mele rischia l’esilio fuori Campania

Alberto Dortucci,  
Alberto Dortucci,  

Scandalo luminarie a Torre del Greco: l’ex assessore Mele rischia l’esilio fuori Campania

Salerno. Tenta di sgozzarsi davanti albero di Natale: è grave
Intervista a Don Alfonso. Le ricette per salvare l?ambiente e la salute

Torre del Greco. Un’ora di discussione davanti ai giudici dell’ottava sezione penale della corte d’appello di Napoli per provare a smantellare il castello accusatorio su cui la procura di Torre Annunziata ha costruito le richieste di applicazione di una misura cautelare per gli undici indagati finiti sotto i riflettori della magistratura per l’appalto per le luminarie di Natale del 2015 a Torre del Greco.

Sono ore di attesa e speranza per l’ex assessore ai lavori pubblici Luigi Mele, il «nome eccellente» dell’inchiesta condotta dal pubblico ministero Rosa Annunziata, iscritto nel registro degli indagati con l’accusa di turbativa d’asta: l’ex fedelissimo di Ciro Borriello rischia il divieto di dimora in Campania, ovvero l’esilio fuori regione.

Una richiesta già avanzata dal pubblico ministero Rosa Annunziata alla vigilia di Natale del 2018 e «bocciata» dal gip del tribunale di Torre Annunziata: un «no» capace di innescare il ricorso della titolare del fascicolo, convinta della necessità di applicare – a dispetto degli anni trascorsi dai fatti – una misura cautelare agli indagati.

Insieme a Luigi Mele, infatti, sono finiti in aula quattro funzionari del settore urbanistica del Comune e sei imprenditori specializzati in luminarie e impiantistica.

+++ leggi l’articolo completo OGGI in edicola su Metropolis Quotidiano +++

CRONACA