Camorra: eseguite 30 misure cautelari. Vent’anni di affari illeciti e sangue

Redazione,  

Camorra: eseguite 30 misure cautelari. Vent’anni di affari illeciti e sangue

CASERTA – Un’ordinanza di custodia cautelare per associazione mafiosa emessa dal Gip del Tribunale di Napoli nei confronti di 30 presunti affiliati al clan camorristico Piccolo-Letizia attivo nella città di Marcianise è stata eseguita dalla Polizia di Stato. L’indagine è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli. A dodici indagati, già detenuti, il provvedimento è stato notificato in carcere. Il clan Piccolo da anni è in lotta con l’altro clan di Marcianise, i Belforte, per il controllo degli affari illeciti della zona, dalle estorsioni alla droga alla gestione degli appalti pubblici.

Vent’anni di affari illeciti e sangue: è la fotografia scattata dall’indagine della Dda di Napoli e della Polizia di Stato – Squadra Mobile di Caserta – che ha portato all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip di Napoli a carico di capi e affiliati del clan Piccolo-Letizia di Marcianise (Caserta), tra cui Pasquale Piccolo, il boss di 59 anni, detto “Rockfeller” e del gruppo alleato dei Perreca di Recale. Un clan, quello dei Piccolo-Letizia, uscito sconfitto dalla cruenta guerra di camorra combattuta con il clan rivale dei Belforte, a cavallo tra gli anni ’90 e 2000, ma poi “risorto” dopo il 2005 in seguito ai colpi assestati da forze dell’ordine e magistratura agli stessi Belforte, peraltro messi in ginocchio anche dai continui pentimenti di capi e gregari. Determinanti per le indagini le intercettazioni dei colloqui in carcere tra gli affiliati detenuti e i parenti, e le stesse collaborazioni in seno al clan Belforte, che hanno squarciato un velo anche sugli affari del clan concorrente dei Piccolo. Dalle indagini sono emersi anche contrasti all’interno della stessa cosca, tra i Piccolo e i Letizia. Achille Piccolo, 44enne esponente di spicco del clan, già detenuto, parlando in carcere con il fratello 39enne Angelo, anch’egli tra i destinatari dell’ordinanza, ribadisce la sua leadership all’interno del clan. “Sono io che comando” dice. Il boss Pasquale Piccolo – hanno accertato i poliziotti della Squadra Mobile – avrebbe invece commissionato al nipote Domenico l’incendio di un’auto di proprietà di un affiliato ai Letizia. Ma ciò che emerge è il condizionamento da parte della camorra delle attività imprenditoriali della zona, tutte sottoposte ad estorsione.

CRONACA