Tre clan alleati per un delitto. Indagato il boss ‘o profeta

Redazione,  

Tre clan alleati per un delitto. Indagato il boss ‘o profeta

Il boss del clan Cesarano Luigi Di Martino, conosciuto col soprannome di ‘o profeta, raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con l’accusa di aver partecipato all’omicidio di Aldo Autuori, avvenuto a Battipaglia nel 2015. E’ il risultato di un’indagine della Dda che, ieri mattina, ha applicato cinque misure di custodia cautelare nell’ambito di un’indagine che ha svelato l’esistenza di un patto di ferro tra i clan Mallardo di Napoli, Cesarano di Castellammare e Pompei e la cosca Pecoraro attiva nella Piana a Sud di Salerno.

Il delitto Autuori

Erano le 20.30 del 25 agosto 2015 quando Aldo Autuori, un piccolo boss che stava provando a mettersi in proprio, venne affrontato dai sicari a Pontecagnano. I primi due colpi di una calibro 9 non lo uccisero; sanguinante, tentò di scappare rifugiandosi in un vicolo, ma i due sicari, con casco integrale in sella a uno scooter, lo raggiunsero e lo finirono esplodendo altri due proiettili. Morì così Aldo Autuori, nei pressi di un bar in piazza a Pontecagnano Faiano, nel Salernitano. Ieri, dopo quasi quattro anni di indagini affidate ai carabinieri della Compagnia di Battipaglia, la Direzione distrettuale antimafia di Salerno, nonostante l’arma non sia stata mai trovata, ha chiuso il cerchio e ha chiesto e ottenuto dal gip un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per cinque persone, di cui quattro già detenute per altro. Nell’inchiesta, risultano indagate altre due persone che, per i pm titolari del fascicolo Marco Colamonici e Rocco Alfano, sarebbero i due esecutori materiali del delitto, per i quali, però, il giudice per le indagini preliminari ha rigettato la richiesta di misura e la procura ha già presentato ricorso al Riesame.

Il movente

Il delitto metterebbe in luce una collaborazione tra diversi clan campani, tanto che è stata necessaria una sinergia tra la procura antimafia salernitana e quella napoletana. La ricostruzione della Dda descrive come mandanti dell’omicidio Francesco Mogavero ed Enrico Bisogni, due elementi di spicco del clan Pecoraro-Renna operante nella Piana a Sud di Salerno. I due si sarebbero rivolti a Luigi di Martino, detto ‘o profeta, affiliato al clan Cesarano di Castellammare di Stabia, chiedendogli una “collaborazione” per l’esecuzione materiale dell’omicidio. Di Martino, a sua volta, avrebbe fatto da intermediario tra i mandanti e gli esecutori materiali del delitto rivolgendosi a Francesco Mallardo, capo indiscusso dell’omonimo clan di Giugliano in Campania, il quale avrebbe, poi, dato incarico di uccidere Autuori ad Antonio Tesone, alias ‘uomo della masseria’, e a Gennaro Trambarulo. Le risultanze investigative hanno svelato come Francesco Mallardo, che all’epoca dei fatti era sottoposto al regime della libertà vigilata a Sulmona, sarebbe stato, più volte, contattato e raggiunto in Abruzzo da Luigi Di Martino, al quale avrebbe fornito la disponibilità dei suoi uomini a compiere il delitto. In questo contesto, si inserisce la figura di Stefano Cecere, stretto collaboratore Di Mallardo, che avrebbe fatto da trait d’union con Luigi Di Martino. Cecere e’ stato il primo ad essere arrestato a Giugliano in Campania, tra ieri sera e stamattina, perchè risultava irreperibile e i militari dell’Arma hanno scoperto che aveva in uso una scheda telefonica intestata ad una persona deceduta. Dalle investigazioni, è emerso, per il procuratore capo facente funzioni Di Salerno, Luca Masini, “il forte legame tra Francesco Mogavero ed Enrico Bisogni con Luigi Di Martino del clan Cesarano, tanto da consentire ai primi di chiedere l’aiuto al secondo per eseguire l’omicidio”.

CRONACA