Incendio ad Avellino, malore per un vigile del fuoco. Preoccupa la nube nera, controlli dell’Arpac

Redazione,  

Incendio ad Avellino, malore per un vigile del fuoco. Preoccupa la nube nera, controlli dell’Arpac

AVELLINO  – Sono quasi un centinaio i Vigili del Fuoco impegnati nelle operazioni di spegnimento dell’incendio sviluppatosi poco prima delle 13.30 nel piazzale della Igs che nel Nucleo industriale di Avellino produce i contenitori di plastica dove vengono allocate le batterie automobilistiche. La situazione è considerata ad alto rischio.Uno dei vigili del fuoco intervenuti è rimasto vittima di un leggero malore da cui si è ripreso subito dopo l’intervento dei sanitari. L’incendio è stato comunque sottoscritto ed è tenuto sotto controllo. Preoccupa l’altissima nube tossica che sovrasta l’intera area, che è stata isolata dalle forze dell’Ordine.Anche il comune di Avellino, come quelli di Montefredane e Atripalda i cui territori insistono sul Nucleo industriale, a titolo precauzionale sta predisponendo una ordinanza a tutela della salute dei cittadini.

SCATTANO LE MISURE DI SICUREZZA

I tecnici dell’Arpac stanno monitorando l’area di Pianodardine dove, nel pomeriggio di oggi, è divampato un vasto incendio.   I tecnici intervenuti stanno controllando, con un’apposita apparecchiatura, tutta l’area circostante il sito interessato dall’incendio, con riferimento in particolare alle sostanze organiche volatili presenti nell’aria: questo monitoraggio durerà minimo 48 ore. Inoltre, l’Agenzia ha collocato nei pressi della città ospedaliera di Avellino una centralina mobile per misurare i valori di concentrazione delle polveri sottili presenti nell’aria: la centralina sarà attivata ad horas. Nel contempo sono già attive due centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria situate rispettivamente in via Piave e in via D’Agostino ad Avellino, i cui dati saranno riportati sul sito Arpac nella sezione “qualità dell’aria”. Inoltre saranno effettuati, domato l’incendio, successivi controlli per eventuali depositi di diossine sui terreni adiacenti il rogo. Arpac è presente anche al tavolo per gli incidenti rilevanti convocato immediatamente dal prefetto di Avellino Maria Tirone, anche con la partecipazione del commissario straordinario Stefano Sorvino. I risultati degli interventi messi in campo dall’Agenzia saranno diffusi attraverso il sito istituzionale dell’Ente.

Domani scuole chiuse in alcuni comuni. Prefettura a residenti: non uscite e tenete le finestre chiuse

Tre famiglie che abitano a poche centinaia di metri dal luogo dell’incendio sono state precauzionalmente evacuate. Il sindaco di Avellino, come i suoi colleghi dei comuni che insistono sulla zona dell’incendio si appresta a varare un’ordinanza che dispone la chiusura delle scuole per la giornata di domani. La Prefettura di Avellino, che ha riunito in permanenza il Centro Coordinamento Soccorsi, invita i residenti a non uscire di casa e a tenere chiuse le finestre.

CRONACA