«Innoviamo insieme» a Torre del Greco, la svolta tecnologica per le imprese

Redazione,  

«Innoviamo insieme» a Torre del Greco, la svolta tecnologica per le imprese

Salerno. Tenta di sgozzarsi davanti albero di Natale: è grave
Intervista a Don Alfonso. Le ricette per salvare l?ambiente e la salute

Torre del Greco. Fare le cose di sempre in modo nuovo: questa è innovazione. È il messaggio venuto fuori dal convegno «Innoviamo Insieme» promosso dallo studio Quirino & Associati Commercialisti, dallo studio Cafasso & Figli e da Facile Web: un incontro-dibattito che ha posto al centro della discussione il futuro delle imprese, le agevolazioni destinate allo sviluppo delle aziende e il necessario rinnovamento tecnologico per restare sempre al passo con i tempi. Decine le persone che si sono radunate all’interno della sala convegni dell’hotel Marad, dove si è svolta l’iniziativa, con l’obiettivo non solo di conoscere le novità in materia ma anche per entrare in contatto con una realtà che punta a migliorare la qualità complessiva del lavoro di ogni singolo imprenditore.

A prendere per primo la parola è stato Salvatore Quirino, titolare dell’omonimo studio: «La sfida per l’impresa è quella di crescere – ha sottolineato – e per questo l’imprenditore merita di essere aiutato attraverso una consulenza che sia di qualità». Partendo da questo presupposto, Salvatore Quirino ha parlato del credito d’imposta, spiegando come la misura «sia un’opportunità al servizio dell’innovazione delle imprese» e auspicando al contempo che la «politica prenda a cuore la necessità di prorogare questa misura, che di fatto scade il prossimo 31 dicembre». Di innovazione tecnologica hanno successivamente parlato i referenti di Facile Web, Francesco Minucci ed Edoardo Gargiulo, che hanno spiegato come «la tecnologia può essere di supporto alla vita professionale degli imprenditori», spiegando quali sono gli strumenti messi in campo dello studio Quirino & Associati per «supportare le aziende nel progetto di trasformazione».

A chiudere gli interventi Nino Carmine Cafasso, che ha posto l’accento sul costo del lavoro: «L’impegno reale che deve assumere lo Stato per favorire la crescita delle imprese deve essere la riduzione del cuneo fiscale, senza la quale a pagare le conseguenza sarà sempre il lavoratore». Presente in sala tra gli altri anche il senatore di Fratelli d’Italia, Andrea Iannone, che ha pubblicamente preso l’impegno di sollecitare anche gli altri colleghi al fine di presentare un emendamento che impegni il Governo a prorogare la misura del credito d’imposta anche per il prossimo anno.

©riproduzione riservata

CRONACA