Capri, vandalizzati i mezzi di un’impresa di Boscoreale: parte l’inchiesta

tore,  

Capri, vandalizzati i mezzi di un’impresa di Boscoreale: parte l’inchiesta

Vandalizzati a Capri i veicoli di una ditta di telefonia, la Polizia indaga. Un’automobile Panda ed un furgone “Doblò” che sarebbero di proprietà di una ditta che si occupa sul territorio isolano di manutenzione telefonica hanno subìto danneggiamenti. Vetri rotti e ammaccature procurate con tutta probabilità con oggetti contundenti: danneggiati i due mezzi mentre erano parcheggiati in via Don Giobbe Ruocco, in località Gasto, l’area utilizzata come sosta in attesa dell’imbarco degli automezzi. Secondo qualcuno, ma siamo nel campo delle ipotesi, potrebbe trattarsi anche di un “dispetto” o di un raid mirato nei confronti dell’azienda di Boscoreale che opera sull’isola azzurra e che utilizza i mezzi con i propri operai a bordo per interventi tecnici. E proprio durante la “pausa” sarebbero state effettuate le opere vandaliche visto che a rendersi conto dell’accaduto sono stati gli stessi lavoratori dell’azienda quando sono tornati sul luogo per prelevare i veicoli ed effettuare i sopralluoghi. I danni secondo la documentazione fotografica sono nello specifico uno sportello del furgone sfondato e il finestrino frantumato, mentre la fiancata dell’auto sul lato destro è stata vistosamente “rigata”. I titolari della ditta hanno presentato denuncia al commissariato di polizia di Capri che ha già avviato le indagini per capire se si tratta di una bravata, un’azione da balordi o qualcosa di più mirato anche se sembra che l’azienda avrebbe riferito di non aver ricevuto alcun tipo di minaccia o intimidazione. Gli inquirenti in ogni caso stanno raccogliendo testimonianze tra gli abitanti della zona non distante dal porto di Marina Grande per verificare se vi possano essere persone che hanno visto o sentito qualcosa che possa essere costruttivo ai fini della ricostruzione dell’accaduto. La polizia potrebbe acquisire tra le prove anche i filmati delle videocamere di sorveglianza della zona per capire se vi possano essere all’interno elementi ritenuti utili alle indagini. In ogni caso l’episodio ha destato stupore e sconcerto tra gli abitanti isolani, anche perché Capri è difficilmente sede ed oggetto di rappresaglie da parte di teppisti, raid vandalici o ancor peggio danneggiamenti nei confronti di cose ed oggetti, soprattutto se utili al territorio come ditte che svolgono attività di carattere tecnico.

CRONACA