Dehors e chioschi: a Gragnano approvato il regolamento per le attività

Salvatore Dare,  

Dehors e chioschi: a Gragnano approvato il regolamento per le attività

Approvato il regolamento per l’installazione di dehors e chioschi per favorire le attività commerciali del territorio. Un vademecum per stabilire la grandezza, lo spazio da occupare e la forma della struttura da realizzare che deve essere in armonia con il paesaggio. Un primo passo mosso verso il commercio, da anni in ginocchio, con poche possibilità di amplia- mento soprattutto per le attività di somministrazioni di cibo e bevande. E proprio nell’ultimo consiglio comunale è stato varato il nuovo regolamento che determina la funzionalità, oltre che l’aspetto, dei gazebo o dehors e dei chioschi. «Siamo felici che il consiglio comunale abbia approvato all’unanimità questo provvedimento – esulta Nello D’Auria, vicesindaco – Sicuramente aiuterà i commercianti che svolgono con tanti sforzi la loro attività sul nostro territorio. Questo rap- presenta solo il primo di una serie di provvedimenti che si indirizzeranno a sostegno della categoria», promette il numero due del Comune. Alcune agevolazioni, in effetti, erano state intraprese già negli anni passati a supporto delle attività che necessitavano di maggiore spazio per ampliare il servizio. Più preciso pare essere il regola- mento presentato in aula in settimana e che ha passato l’esame a pieni voti, ottenendo un giudizio favorevole di tutti i consiglieri. «Definite, dunque, le modalità e i criteri per l’occupazione temporanea di suolo pubblico col fine di valorizzare e promuovere le attività del territorio destinate alla somministrazione di alimenti e bevande – è precisato dall’amministrazione Cimmino – Creare aree vitali e di aggregazione sociale, dove il commercio ha l’opportunità di migliorare la propria offerta e di valorizzare le eccellenze enogastronomiche concorrendo a definire l’immagine della città e la naturale vocazione turistica della stessa. L’obiettivo è garantire il decoro e la fruibilità dello spazio pubblico mediante la collocazione di elementi di arredo armonizzati con il contesto urbano di riferimento, rispettandone le caratteristiche architettoniche, paesaggistiche e ambientali. Il regolamento, infatti, disciplina la collocazione di elementi di arredo tipo dehors, annessi a locali con esercizio di somministrazione». Si mira, dunque, a realizzare nuovi punti di aggregazione che possano portare benefici sia ai cittadini ma anche all’economia locale.

CRONACA