Telecamere e lettore targhe, stop alla truffa al parking di Sorrento

tore,  

Telecamere e lettore targhe, stop alla truffa al parking di Sorrento

A partire da oggi entrerà in funzione presso il parcheggio comunale Achille Lauro, il nuovo sistema di lettura delle targhe. Due telecamere, posizionate in corrispondenza dei varchi di ingresso e di uscita, consentono ai veicoli degli abbonati di accedere ed andare via dal parcheggio in maniera rapida, senza dovere utilizzare tessere o titoli. Il sistema legge ed identifica numeri e lettere che compongono le targhe – precedentemente registrate nel database – e dopo il loro riconoscimento invia un comando alla sbarra di apertura. Gli utenti non abbonati dovranno invece prelevare il ticket alla colonnina posta all’ingresso, e pagare l’importo corrispondente alla sosta presso le casse. «Il nuovo sistema eviterà molti dei problemi che si riscontrano oggi – spiega il sindaco Giuseppe Cuomo -. Ad esempio, chi utilizzava illecitamente uno stesso abbonamento per parcheggiare un veicolo diverso da quello indicato all’atto del contratto di abbonamento, non sarà più in grado di farlo. Di contro, si garantirà ulteriormente l’utenza. Chi dovesse malauguratamente perdere il biglietto, non sarà più costretto a pagare l’importo di un’intera giornata, ma grazie alla registrazione della targa indicata sul biglietto, rivolgendosi agli operatori di cassa gli sarà addebitata solo la tariffa della sosta effettiva. Ma il principale vantaggio riguarda la sicurezza che i controlli potranno garantire nell’intera area, fungendo da deterrente per eventuali malintenzionati». Lo scorso dicembre, a proposito degli accessi al parcheggio Lauro, era scoppiata la bufera. Motivo? La scoperta di una vera e propria truffa che arreca danni al Comune di Sorrento e raggira tanti abbonati della sosta. L’area di sosta, che garantisce al Comune incassi da capogiro ogni anno (almeno 1,5 milioni di euro), è presa d’assalto da numerosi ospiti delle strutture extralberghiere che, non trovando spazi dove magari lasciare la propria vettura, riescono a infilarsi all’interno del parcheggio utilizzando in modo fraudolento la tessera dell’abbonamento dei titolari delle strutture extralberghiere dove pernottano. E’ un caso spinoso, delicato, su cui sono in corso accertamenti anche della polizia municipale. Tecnicamente, la cessione anche momentanea verso terzi della card di accesso al parcheggio non può essere adottata. Eppure, questo malcostume appare a dir poco diffuso e ha portato a diverse segnalazioni giunte pure in municipio. Non solo. A quanto pare, c’è anche un illegale introito ulteriore per le strutture extralberghiere. Che si fanno pagare in contante la cessione temporanea dell’abbonamento per il parcheggio Lauro. Insomma, una marea di irregolarità che stanno facendo discutere. «Trasmetteremo una comunicazione a tutti gli operatori extralberghieri di Sorrento in cui solleciteremo di non cedere le card del parcheggio ai turisti – disse Sergio Fedele, delegato dell’associazione Atex – Purtroppo si starebbe verificando questa abitudine, addirittura facendo pagare ai turisti importi altissimi per poter usufruire di tale card. È molto grave, soprattutto per il danno che si crea ai tanti residenti che non riescono ad ottenere l’abbonamento per mancanza di posti». Ora il giro di vite a tutela degli abbonati.

CRONACA