Commercio in crisi, il Comune di Piano di Sorrento fitta negozi a prezzi agevolati

Salvatore Dare,  

Commercio in crisi, il Comune di Piano di Sorrento fitta negozi a prezzi agevolati

Tentare di fornire un’opportunità ai giovani per avviare un’impresa senza canoni di locazione esagerati o addirittura fuori mercato. Una mission per il commercio quella portata avanti dal Comune di Piano di Sorrento che rispolvera un “vecchio” progetto per alcuni locali situati in pieno centro, in via San Michele. Si tratta di negozi di proprietà dell’ente di piazza Cota che intende affittarli a costi agevolati prevedendo benefit in particolare per giovani, coppie con figli e anche disoccupati. Ecco perché l’amministrazione guidata dal sindaco Vincenzo Iaccarino ha deciso di pubblicare un nuovo avviso pubblico. Al momento ci sono a disposizione due negozi. Nel bando del Comune di Piano di Sorrento sono già prefissati alcuni criteri per le concessioni a prezzo agevolato dei locali. Ammonta al trenta per cento la possibile riduzione per i primi tre anni di contratto di locazione a favore di giovani di età compresa tra i 18 e i 29 anni, persone senza occupazione da almeno sei mesi e genitori che non sforino i 35 anni di età con figli minorenni. Non solo, c’è pure un’altra fascia di soggetti a cui il Comune vuole concedere opportunità: si tratta di tutti quegli imprenditori che all’atto di ottenere in locazione le attività commerciali prevedono assunzione di giovani con un contratto di apprendistato con l’ipotesi di concedere il conseguimento della qualifica professionale per tutta la durata della locazione. In questo caso, come sempre precisato dalla giunta di Piano di Sorrento, gli ingaggi dei giovani dipendenti non potranno avere durata inferiore a sei mesi o superiore a tre anni che invece diventano cinque nel caso in cui le mansioni hanno carattere di attività artigianali. Rimane comunque un caposaldo: colui che intende acquisire in locazione il locale commerciale di proprietà del Comune di Piano di Sorrento non dovrà possedere un reddito Isee superiore a 17mila 330 euro. I negozi fanno parte di un unico blocco edilizio, edificato al di sotto del parco pubblico San Michele. I lavori per la realizzazione del “corpo di botteghe” sottostanti il parco San Michele si conclusero il 10 luglio 2001, data del rilascio della relativa certificazione di collaudo, con esito positivo. Ciascun negozio presenta caratteristiche costruttive e dimensionali pressoché identiche agli altri, essendo costituito da un unico locale al piano terra, con annesso piccolo bagnetto di servizio, collegato da due rampe di scale a un locale sottostante al livello seminterrato di uguale dimensione. L’affaccio di ciascun negozio avviene per mezzo del vano d’ingresso realizzato sulla parete lungo il fronte strada chiuso da un cancello in ferro. Lo stato delle finiture dei locali è piuttosto buono, il sistema impiantistico in discreto stato e rispondente alla normativa e, per quanto riguarda le prestazioni energetiche, sono assegnati alla classe energetica F. Ogni bottega sviluppa una superficie lorda catastale di 42 metri quadrati, corrispondente a una superficie utile di circa 32 metri quadrati per piano, per un’altezza media di tre metri per il piano terra e di 2,80 metri al livello seminterrato. Le domande per prendere parte al bando potranno essere presentate entro e non oltre il prossimo 9 marzo.

CRONACA