Voto, spunta il terzo polo. La coalizione anti-partiti

Redazione,  

Voto, spunta il terzo polo. La coalizione anti-partiti

A poche settimane dalla sfiducia ordita contro l’ex sindaco di Pompei, Pietro Amitrano, lo scenario politico appare più nitido. Le tessere del puzzle che dovrà disegnare il volto del futuro primo cittadino di Palazzo de Fusco iniziano a prendere forma, a incastrarsi una dopo un’altra. Da un lato resta la certezza del Partito Democratico, che avrebbe individuato nella figura di Carmine Lo Sapio il nuovo candidato sindaco, dall’altra il centrodestra – compatto come non mai con Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e tre civiche – che non ha ancora sciolto le riserve in merito al leader da candidare alla fascia tricolore che andrà accordato con tutte le forze politiche sedute al tavolo.

Nel mezzo una novità, un terzo polo che scalda i motori con cinque liste civiche a sostegno, guidato dall’ex consigliere di maggioranza, Stefano De Martino, tra i primi ad appoggiare la firma alla sfiducia contro Pietro Amitrano. E’ quanto emerso nelle ultime ore dopo un incontro tra alcuni ex consiglieri di maggioranza che hanno sancito la fine dell’amministrazione Amitrano. Quattro liste già formate, una quinta pronta a essere confermata, così a creare una coalizione anti-partiti.

Una coalizione che potrebbe essere d’accordo sulla candidatura a sindaco dello stesso Stefano De Martino, che si contenderebbe il posto con un giovane imprenditore di Pompei. «Stiamo lavorando intensamente per scendere in campo in vista delle prossime elezioni comunali – confessa De Martino che nella recente esperienza in Comune era affiancato da Salvatore Perillo e Vincenzo Vitiello -. Saremo la vera alternativa in città, altro che Partito Democratico o centro-destra.

Non siamo né sinistra, né destra, ma abbiamo solo voglia di cambiare il volto di Pompei e mandare a casa la vecchia politica. Come? Dando spazio ai giovani. Le nostre quattro liste, a breve sarà pronta anche una quinta, indicano nomi di tutti ragazzi in gamba. Non escludo che potrei tentare anch’io la candidatura a sindaco. Ma è presto per decidere questo aspetto, così come il programma al quale lavoreremo solo in seguito. Per il momento esco io allo scoperto, ma ci sono anche altri ex consiglieri che stanno valutando la trattativa». Secondo ultimi rumors, Salvatore Perillo, prima ex consigliere e poi ex assessore della giunta Amitrano, sarebbe prossimo ad annunciare la candidatura alle Regionali. «Di certo abbiamo le idee chiare e faremo spazio ai giovani per svoltare e cambiare pagina. Diremo basta alla vecchia politica e soprattutto è ora di dire basta all’assegnazione di Pompei nelle mani di chi non sa nulla della città. Molti giovani si sono sentiti traditi dalle vecchie esperienze politiche», conclude De Stefano.

Un terzo polo, dunque, che duellerà col Partito Democratico e il centro-destra. I giochi, però, non sono ancora stati ultimati. E, secondo i ben informati, c’è anche il Movimento Cinque Stelle pronto a proporre un proprio progetto nella città degli Scavi. Una tornata elettorale che si preannuncia infuocata, tra esordi e vecchie guardie. Elezioni che spalancano le porte alla stessa maggioranza che ha mandato via Amitrano. Tanti i nomi che circolano tra gli ex consiglieri, pronti a tornare in campo in vista del voto nonostante si sia conclusa soltanto da poche settimane l’esperienza in Municipio.

E non mancheranno i colpi di scena: lo stesso ex sindaco Nando Uliano, dopo tre anni, ha annunciato il suo ritorno in politica a sostegno del Pd. Stavolta come consigliere comunale e non più come primo cittadino.

CRONACA