Coronavirus, da domani chiuse scuole e università fino al 15 marzo

Redazione,  

Coronavirus, da domani chiuse scuole e università fino al 15 marzo

Il Governo vara misure straordinarie per far fronte all’emergenza coronavirus. Chiusi atenei e scuole su tutto il territorio nazionale da domani fino al 15 marzo.

Cesaro: scuole chiuse? bloccare anche concorsi

“Mentre il governo si accinge a chiudere le scuole di tuta Italia e a bandire le manifestazione pubbliche, De Luca porterà nei padiglioni della Mostra d’Oltremare, già domani, decine di migliaia di candidati al Concorso per Centri per l’Impiego della Campania. Incredibile!”. Lo afferma il capogruppo regionale campano di Forza Italia Armando Cesaro. “Le direttive di contenimento del contagio da Covid-19 sono stringenti e lo saranno sicuramente di più nelle prossime ore: siamo sicuri che le misure che si andranno ad adottare nei padiglioni garantiranno effettivamente i candidati e la loro salute?”, si chiede l’esponente di Forza Italia. “Il sindaco de Magistris si assuma le sue responsabilità: lo accerti e, se sarà il caso, non esiti a bloccare il concorso. Sulla salute dei cittadini non si scherza”, conclude Cesaro.

Piano per aumentare posti di terapia intensiva

Intanto, è prono il piano per aumentare i posti di terapia intensiva sul territorio. Previsto un incremento del 50% dei posti letto in terapia intensiva e del 100% nelle unità di pneumologia e malattie infettive. E per garantire l’assistenza è prevista la turnazione reclutando anche operatori che svolgono attività in altre aree del Paese. Domani il via all’iter per chiedere lo sforamento del deficit per 3,6 miliardi.

Nel mondo 3.200 morti per l’infezione, olre 93mila contagi

Sono arrivate a 3.198 le morti nel mondo per il coronavirus, 93.455 i contagi e 50.700 le persone guarite. E’ il quadro in tempo reale dell’università Johns Hopkins. Intanto, l’Oms lancia un allarme sulla carenza globale dei dispositivi di protezione, e sollecita le aziende ad aumentare la produzione del 40% per far fronte all’emergenza.

Perdita nel settore turistico per circa  7 miliardi di euro

Il coronavirus manda a picco il turismo. Nel trimestre 1 marzo-31 maggio sono previste oltre 31 milioni di presenze in meno in Italia, con una perdita di 7,4 miliardi di euro, secondo i nuovi calcoli di Confturismo-Confcommercio alla luce dell’evoluzione dell’ultima settimana dell’epidemia. “La situazione è drammatica per tutto il comparto”, afferma il presidente di Confturismo-Confcommercio, Luca Patanè.

CRONACA