Decreto anti-Coronavirus: congedi con il 50% di retribuzione, voucher baby-sitter e premi ai lavoratori

Redazione,  

Decreto anti-Coronavirus: congedi con il 50% di retribuzione, voucher baby-sitter e premi ai lavoratori

Ecco alcuni punti della bozza del decreto anti- Coronavirus che il Governo si appresta a varare, sono misure non ancora definitive e suscettibili di modifica

Arrivano i congedi per i genitori che hanno figli sotto i 12 anni costretti a casa dalla chiusura delle scuole. I congedi ‘speciali’ saranno validi dal 5 marzo per tutti i dipendenti. L’indennità sarà di massimo 15 giorni da utilizzare tra mamma e papà non contemporaneamente, e sarà pari al 50% della retribuzione. Nessun limite di età in caso di figli disabili. Sarà poi riconosciuto un congedo speciale non retribuito ai dipendenti con figli tra 12 e 16 anni.

In alternativa ai congedi parentali, i genitori lavoratori dipendenti con figli sotto i 12 anni potranno richiedere i voucher baby-sitter.Il bonus per l’acquisto di servizi di baby-sitting è previsto “nel limite massimo complessivo di 600 euro e viene erogato mediante il libretto famiglia”. Il voucher sale a 1000 euro per medici, infermieri, tecnici sanitari e ricercatori.

Un premio di 100 euro per il mese di marzo 2020 ai lavoratori dipendenti, pubblici e privati, che abbiano continuato a lavorare nella sede di lavoro. Il premio spetta a chi guadagni non più di 40mila euro l’anno ed è esentasse. Viene rapportato ai giorni di lavoro in sede e viene dato in via automatica dal datore di lavoro, se possibile nella busta paga di aprile o comunque entro il conguaglio di fine anno.

Agli automi sarà riconosciuta una indennità una tantum di 500 euro L’indennità è prevista per professionisti e collaboratori, per gli stagionali, i lavoratori del turismo e delle terme, dell’agricoltura e anche per i lavoratori dello spettacolo.

CRONACA