Virus, l’appello: «Riaprire la clinica di Piano». A Capri merci da scaricare: «Ma chi trasporta resti sul mezzo»

Salvatore Dare e Marco Milano,  

Virus, l’appello: «Riaprire la clinica di Piano». A Capri merci da scaricare: «Ma chi trasporta resti sul mezzo»

Riaprire la clinica San Michele di Piano di Sorrento dove potrebbero essere messi a disposizione nuovi posti letto in caso di urgenza. E’ la proposta avanzata soprattutto sui social da numerosi cittadini, movimenti ed esponenti politici. Uno dei tanti è l’ex sindaco di Sorrento, Marco Fiorentino. Ma l’ipotesi è anche al vaglio delle altre amministrazioni. Non solo. Proseguono i controlli a tambur battente sul territorio. A Piano di Sorrento sono scattate nel complesso 12 denunce per persone trovate in strada senza valido motivo: scattate anche 11 ispezioni in altrettante attività commerciali. Nel complesso, sono 384 le persone sottoposte a controlli. «Restiamo a casa» torna a dire il sindaco Vincenzo Iaccarino. Nella vicina Vico Equense, il Comune ha previsto la sospensione al pagamento della sosta e il primo cittadino Andrea Buonocore ha bloccato tutti i cantieri edili. A Capri stop a tutti i tributi comunali mentre Anacapri vara un’ordinanza speciale per trasporto e consegna delle merci. Sull’isola azzurra si varano misure straordinarie per l’emergenza coronavirus. L’assessore al bilancio e alle politiche sociali di Capri Salvatore Ciuccio ed il sindaco Marino Lembo hanno deciso di sospendere tutte le imposte municipali e di creare un fondo speciale per attingere risorse dal bilancio comunale da destinare a imprese e famiglie dei lavoratori stagionali danneggiati dal prolungamento della chiusura delle attività. Il provvedimento era stato auspicato anche da “CapriVera” il gruppo di opposizione consiliare. «Siamo di fronte ad una crisi – ha detto l’assessore al bilancio Salvatore Ciuccio – che certamente avrà delle ripercussioni economiche e finanziarie su tutto l’indotto, non solo sul comparto turistico ma su tutto il tessuto imprenditoriale e sociale caprese». Intanto un’ordinanza emanata ieri dal primo cittadino di Anacapri Alessandro Scoppa disciplina le nuove modalità di consegna ai negozi decise nell’ambito delle direttive anti-contagio. «Il trasportatore non dovrà mai scendere dal proprio autoveicolo – si legge nel dispositivo che potrebbe essere adottato nelle prossime ore anche a Ischia – in quanto lo scarico-consegna delle merci dovrà essere effettuato a cura dell’esercente dell’attività destinataria delle stesse». Previste multe per i trasgressori. Anche a Capri varata un’ordinanza simile.

CRONACA