Incendio boschivo tra Casola e Gragnano, il sospetto degli inquirenti: rogo appiccato dai clan per l’affare marijuana

Elena Pontoriero,  

Incendio boschivo tra Casola e Gragnano, il sospetto degli inquirenti: rogo appiccato dai clan per l’affare marijuana

Nel mondo si continuano a contare morti con il coronavirus, a Casola le attività dei clan continuano senza sosta. Incendiata la montagna nella zona boschiva tra Casola e Gragnano. L’incendio secondo gli inquirenti è da collegare alla preparazione dei terreni per la sistemazione delle piantagioni di marijuana.

Le fiamme sono state appiccate nella zona dove l’estate scorsa i carabinieri ritrovarono un fucile, proiettili e massicce dosi di marijuana.

Sulla vicenda interviene il sindaco di Casola Peccerillo: “Si comunica che sono stati prontamente allertati  i Vigili del Fuoco a seguito di segnalazioni di diversi cittadini della presenza di un incendio appiccato poco fa sul pendio a confine tra i comuni di Casola e Gragnano”.

CRONACA