San Giuseppe Vesuviano. Il sindaco Catapano è guarito dal Covid

Andrea Ripa,  

San Giuseppe Vesuviano. Il sindaco Catapano è guarito dal Covid

La foto con i figli che può finalmente riabbracciare dopo due settimane di quarantena e un sorriso stampato sul volto. Vincenzo Catapano, sindaco di San Giuseppe Vesuviano, è guarito dal Coronavirus. E la prima cosa che ha fatto è stata quella di riabbracciare i propri figli. Che per scelta non aveva visto nelle ultime setitmane, decidendo per l’isolamento nella depandance adiacente alla sua abitazione. I tamponi di riscontro effettuati negli ultimi giorni hanno dato tutti esito negativo. Ad annunciare di aver sconfitto il virus è stato lo stesso primo cittadino della città vesuviana. «Pochi minuti fa, ho ricevuto il risultato dei due tamponi, cosiddetti della guarigione. Negativi. Sono guarito. La felicità che pervade il mio cuore è infinita. Riabbracciare i miei figli, mia moglie ed i miei affetti è un’emozione senza fine. Ringrazio tutti- dico tutti- coloro che, in questi giorni mi hanno dimostrato un affetto travolgente. Ringrazio, in particolare, il Vicesindaco, gli assessori ed i consiglieri comunali che hanno continuato ad amministrare la nostra città, con competenza, dedizione ed amore. Non ci siamo mai fermati, non abbiamo esitato neppure un istante neanche quando siamo stati costretti a stare in quarantena. E non ci fermiamo!!! A breve, infatti, riprendiamo con la raccolta di beni di prima necessità. Domani, inoltre, coordinerò la distribuzione di ulteriori consegne e coordinerò, altresì, tutti i controlli che i Vigili Urbani effettueranno per verificare che Nessuno violi le disposizioni e le prescrizioni impartite. Grazie ai preziosi volontari che in queste ore non si sono risparmiati offrendo il loro prezioso contributo. Grazie a tutti Voi; grazie alla mia amata città, che è una parte indissolubile del mio essere. Soffriremo ancora. Ci attendono giorni ancora difficili. Ma , cari sangiuseppesi, Vi assicuro, che tutto finirà e non lesinerò alcuna energia, sempre in prima linea, fin quando questa assurda e difficile storia non sarà che un lontano ricordo.

CRONACA