Appello del deputato Siani: «Subito mascherine per i bambini, si pensi anche a loro»

Redazione,  

Appello del deputato Siani: «Subito mascherine per i bambini, si pensi anche a loro»

“Servono subito mascherine idonee per i bambini e bisogna ripensare una nuova e seria riorganizzazione delle cure territoriali, che ha come primo passo necessario la diffusione di una accurata e rigorosa attività di informazione e prevenzione nei confronti della malattia da Covid-19”. Lo chiede, in una nota, il pediatra e deputato del Pd, Paolo Siani. “Con la graduale ripresa delle attività e la scomparsa del lockdown, lo scopo delle mascherine rimarrà quello di proteggere la comunità – spiega – Ci sono infatti persone malate di Covid-19 ma asintomatiche, e dunque capaci di diffondere il virus. Uno studio dell’Mit di Boston ha evidenziato di fatto che la distanza di trasmissione della infezione da Coronavirus attraverso la tosse e gli starnuti è maggiore di 1 metro, potendo arrivare fino a circa due metri. Ora che si sta programmando la fase due in cui saranno necessarie per tutti le mascherine, bisognerà dotare anche tutti i bambini di mascherine idonee. Per questo è giusto e da sostenere l’appello promosso dalla dott.ssa Manetti dell’associazione culturale pediatri”. “Per gli adulti – aggiunge il deputato dem – le dimensioni di una mascherina sono circa 15×30 cm; per un bambino 12×25 cm in media, considerando l’età e il fatto che la mascherina deve aderire bene al volto del bambino e coprire in sicurezza bocca e naso. Poi ci sono i bambini fragili, perché affetti da malattie croniche e ad alto rischio che devono essere incoraggiati a indossare una mascherina particolare, non le chirurgiche o di stoffa, ma le Ffp2, che possono proteggere loro stessi dalla infezione. C’è il tempo per farlo, ma bisognerà pensarci subito perché il bambino è esposto al virus proprio come gli adulti”. “Se poi si immaginano mascherine colorate, con personaggi dei cartoon ben noti ai bambini – conclude Siani – si proverà a rendere meno traumatico indossare una mascherina, evento a cui i bambini sani non sono affatto abituati”.

CRONACA