Coronavirus: mascherine gratis in farmacia, accordo in Campania

Redazione,  

Coronavirus: mascherine gratis in farmacia, accordo in Campania
epa01716622 Foreign tourists wearing protective masks negotiate with a health worker in front of the Metropark Hotel, Hong Kong, China, 02 May 2009, where a Mexican guest tested positive for the A-H1N1 flu on 01 May 2009. Around 200 guests and 100 staff at the hotel have been forcibly quarantined for the next seven days. So far 16 countries around the world have reported confirmed cases of the A-H1N1 virus. EPA/EPA .

NAPOLI  – “Con l’accordo le farmacie si sono impegnate a distribuire gratuitamente 500 mila mascherine protettive acquistate dalla Regione Campania. Ad ogni farmacia che aderirà all’iniziativa saranno consegnate 300 mascherine protettive, allestite in confezioni da 2; le stesse saranno distribuite gratuitamente alle famiglie indigenti, attraverso l’esibizione del codice di esenzione per reddito”. Nicola Stabile, presidente di Federfarma Campania e Domenico Della Gatta, presidente di Assofarm Campania, rispettivamente associazioni rappresentative delle farmacie territoriali private e comunali, rendono noto di aver siglato nei giorni scorsi con il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, un protocollo d’intesa che vede le farmacie campane impegnate in prima linea nella lotta alla diffusione del Covid-19. “La distribuzione partirà a metà della prossima settimana, allorquando la ditta produttrice perfezionerà l’allestimento delle confezioni e, conseguentemente, le mascherine saranno nella disponibilità delle farmacie campane”, spiegano. “Il protocollo altro non è che il più recente passo (ma non l’ultimo) di un lungo iter avviato i primi di marzo che ha visto i farmacisti della Campania, con grande spirito di abnegazione, al servizio delle loro comunità – concludono- L’impegno dei professionisti ha consentito, in un momento di grande difficoltà, di semplificare il processo di dispensazione del farmaco contribuendo, in tal modo, anche ad alleggerire l’esposizione di altri professionisti incaricati di sorvegliare sulla salute pubblica”.

CRONACA