Salvatore Dare

Post Fb contro Silvia Romano, caos sull’assessore di Sorrento: «Si dimetta». Il sindaco: «E’ un suo pensiero»

Salvatore Dare,  

Post Fb contro Silvia Romano, caos sull’assessore di Sorrento: «Si dimetta». Il sindaco: «E’ un suo pensiero»

«Ma con tutto il rispetto l’avete guardata bene? Lei in realtà non voleva tornare, dove li trova altri uomini?». Il commento su Facebook è di un avvocato, un professionista già giudice di pace e consigliere comunale. E che da qualche mese occupa la poltrona di assessore del Comune di Sorrento con delega alle relazioni internazionali. Insomma, non un settore di secondo piano per una città famosa in tutto il mondo e che fa del turismo la forma principale di sostentamento.

A firmare la frase incriminata, già duramente stigmatizzata da cittadini e internauti, è l’avvocato Emiliogianmaria Moretti che si lascia andare a un post tutt’altro che gradevole nei confronti di Silvia Romano, la cooperante italiana liberata dopo 18 mesi di prigionia tra Kenya e Somalia. Il commento dell’assessore viene postato sotto un’immagine del Partito democratico che ritrae Silvia Romano sorridente mentre è in Africa. Nel post ci sono anche dei commenti del segretario cittadino di Sorrento della Lega, Clara Rolla.

Interpellato sulla vicenda, il sindaco di Sorrento Giuseppe Cuomo, da qualche mese tesserato del Carroccio, attraverso l’ufficio stampa, dichiara testualmente: «E’ un pensiero personale dell’assessore».

In rete, in tanti invocano le dimissioni di Moretti. Imbarazzo in municipio e polemiche infinite su Facebook dove continua a far discutere anche il caso della passeggiata di alcuni politici cittadini, tra cui il candidato sindaco indicato dalla maggioranza Mario Gargiulo, che domenica hanno deciso di raggiungere Crapolla, nella vicina Massa Lubrense. Qui è stato scattato un selfie dove tutti i componenti del gruppo erano senza mascherina e non a distanza di sicurezza. Tanto che il Partito democratico di Sorrento ha invocato a Gargiulo (che negli ultimi mesi si è avvicinato al Pd) e agli altri amici della passeggiata delle scuse pubbliche. Insomma, scintille.

CRONACA