Ex Cirio, colpo di scena: il Riesame annulla gli arresti

Redazione,  

Ex Cirio, colpo di scena: il Riesame annulla gli arresti

Colpo di scena nell’inchiesta sull’ex Cirio di Castellammare di Stabia. Il Tribunale del Riesame di Napoli ha annullato l’ordinanza di custodia cautelare emessa nei confronti dell’imprenditore Adolfo Greco, di sua moglie Angela Rega, del commissario ad acta della Provincia di Napoli Maurizio Biondi e dell’ingegnere Antonio Elefante. L’accusa principale è quella di corruzione per la procedura che portò al rilascio del permesso necessario per costruire oltre 300 case al posto del fabbricato.

La Procura di Torre Annunziata potrà presentare ricorso contro la decisione dei giudici napoletani con l’ultima parola che spetterà a quel punto alla Corte di Cassazione.

Nei prossimi giorni, il Riesame depositerà le motivazioni. I legali degli indagati, col ricorso, hanno contestato l’esigenza dell’applicazione degli arresti per vicende datate. E soprattutto muovono pesanti dubbi sulla legittimità dell’utilizzo delle intercettazioni legate a un procedimento penale “madre”, l’indagine Olimpo, condotta dalla Procura distrettuale antimafia di Napoli. Quella sulla ex Cirio, invece, è un’inchiesta affidata dalla Procura di Torre Annunziata.

Per l’inchiesta, è stato chiesto l’arresto anche per i parlamentari di Forza Italia Antonio Pentangelo e Luigi Cesaro: risulta indagato pure il capogruppo regionale del Pd Mario Casillo.

CRONACA