Ercolano, pagamenti in ritardo alla Buttol: la guerra dei rifiuti si sposta in tribunale

Alberto Dortucci,  

Ercolano, pagamenti in ritardo alla Buttol: la guerra dei rifiuti si sposta in tribunale

Ercolano. Non bastassero le ripetute proteste per le criticità lamentate sul fronte della raccolta dei rifiuti e le «turbolenze» registrate in varie occasioni all’interno del cantiere Nu della città degli Scavi, una nuova tegola rischia di incrinare ulteriormente i rapporti tra la ditta Buttol – vincitrice della gara d’appalto per la gestione dei servizi di igiene urbana all’ombra del Vesuvio – e l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Ciro Buonajuto.

Terminato il lockdown deciso dal governo targato Giuseppe Conte per frenare l’epidemia da Covid-19, infatti, il colosso ambientale con sede legale a Sarno- assistito dall’avvocato Donato Palmieri – ha notificato all’ente di corso Resina un decreto ingiuntivo ottenuto dal tribunale civile di Napoli per il pagamento di 56.000 euro e spiccioli. Il motivo? I ritardi accumulati dal Comune per liquidare le mensilità relative alla raccolta dei rifiuti e lo spazzamento delle strade: un ritardo «giustificato» dall’ente di corso Resina attraverso una serie di questioni economiche irrisolte con il colosso ambientale, evidentemente giudicate insufficienti a «rallentare» i saldi mensili alla ditta Buttol.

L’amministrazione comunale guidata dal baby-Renzi del Vesuviano, tuttavia, non si è piegata al decreto ingiuntivo arrivato in Municipio. Durante l’ultima riunione di giunta, infatti, l’esecutivo guidato da Ciro Buonajuto ha deciso di presentare opposizione al decreto ingiuntivo in modo da provare a «risparmiare» i 56.000 euro pretesi dalla ditta Buttol.

Il compito di tutelare gli interessi dell’ente di corso Resina è stato affidato – in base a un incarico triennale stipulato sei mesi dopo l’insediamento di Ciro Buonajuto e successivamente rinnovato per ulteriori tre anni – all’avvocato Paolo Castelluccio, l’esperto in materia tributaria a cui spetterà ora il compito di provare a ribaltare il verdetto del tribunale civile di Napoli. L’azione legale della ditta Buttol arriva a due settimane dalla maxi richiesta di risarcimento – complessivi 60.000 euro – avanzata all’ex delegato all’ambiente Gennaro Sulipano per il deciso affondo in consiglio comunale sul cattivo funzionamento della raccolta dei rifiuti a Ercolano.

©riproduzione riserva

CRONACA