Gennaro Annunziata

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

Gennaro Annunziata,  

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

Per gli appassionati di gaming su PC, che si ritrovano a premere i tasti numerose volte, spesso anche più d’uno contemporaneamente, passare da una tastiera a membrana ad una tastiera meccanica è la conditio sine qua non per fare quel salto di qualità, in termini di feedback tattile e feedback sonoro, indispensabile per migliorare le performances ed ottenere un’esperienza di gioco appagante.

Le migliori tastiere meccaniche non sono necessariamente le più costose. Con il suo listino di 59,99 euro la KM-G6 di Aukey è ben lontana dalle quotazioni a tre cifre dei modelli di fascia alta, eppure, rispetto al prezzo, offre davvero tanto, soprattutto se si è alla prima esperienza con questo tipo di periferiche. È compatibile con i sistemi operativi Windows, Mac OS, Linux e Android.

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

Nella confezione di vendita, in cartone riciclato, oltre la tastiera, ci sono il manuale d’uso, il certificato di garanzia (24 mesi) e un estrattore in platica per tasti.

La prima impressione è quella di avere a che fare con una vera tastiera meccanica, e non con un “vorrei ma non posso” tipico di altri prodotti low cost.

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

Totalmente nera con design moderno, è una tastiera a 105 tasti con layout italiano, che, ben assemblata e robusta, misura 434 x 135 x 37mm e pesa 1,10 Kg.

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

La superficie superiore è realizzata con resistente metallo opaco, che, durante l’utilizzo, non si flette mai, indipendentemente dalla forza impressa sui tasti.  È, inoltre, impermeabile, così che, nel malaugurato caso capitasse di versare dell’acqua, non si creano danni.

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

La parte inferiore, in plastica, vede la presenza, lateralmente, di due piedini pieghevoli gommati, che servono ad inclinare la tastiera quando viene posizionata sulla scrivania. Sul bordo laterale, in alto al centro, il cavo di collegamento USB (5V 200 mA), lungo 1,5 m.

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

I tasti sono in ABS double-shot, un processo di stampa che garantisce che le scritte non sbiadiscono nel tempo. Gli switch sottostanti sono degli Outemu blu, testati per arrivare a 50 milioni di battute e resistere a 60 grammi di forza e 4,0 + / – 0,2 mm di raggio d’azione. Non saranno i più celebrati e costosi MX Blue di Cherry ma, come sperimentato durante il nostro test, si comportano bene, offrendo un clic udibile e piacevole, un key travel (escursione tasti) soddisfacente e un anti-ghosting, che, grazie a un n-Key Rollover completo, permette, quasi sempre, di evitare di perdere comandi a causa della pressione contemporanea di più tasti.

KM-G6, una tastiera meccanica dal prezzo invitante

La retroilluminazione è a LED fissi di 6 colori, montati nella base della tastiera e non nell’interruttore. Sono disponibili, attivabili attraverso il tasto Fn, 8 profili luminosi preimpostati, alcuni statici e altri reattivi alle pressioni dei tasti, ognuno dei quali è pensato per una certa categoria di giochi (FPS/CF/COD/RTS/LOL/CAR RACE/NBA). È possibile anche impostare 2 profili personalizzati.

La KM-G6 di Aukey è attualmente in offerta su Amazon a 54,99 euro. È forse la migliore tastiera meccanica economica in circolazione.

Gennaro Annunziata