Coronavirus: in Campania, 11 nuovi positivi su 703 tamponi. Si conferma la tendenza all’incremento dei contagi.

Redazione,  

Coronavirus: in Campania, 11 nuovi positivi su 703 tamponi. Si conferma la tendenza all’incremento dei contagi.

NAPOLI – Un dato che conferma la tendenza dei giorni scorsi alla crescita dei contagi: ieri i nuovi casi erano stati 21 ma su oltre 2.400 tamponi. Il bollettino giornaliero dell’Unità di crisi segnala che non si registrano né guarigioni né nuove vittime.

Lazio, stretta sui paesi a rischio. Pugno duro con chi non rispetta le regola, multe da Nord a Sud

Mentre in Italia si registra un lieve calo dei nuovi casi di coronavirus, 255 contro i 275 di ieri, e un numero stabile dei decessi, 5 per per tre giorni di fila, il Lazio annuncia test per chi torna in pullman dai Paesi a rischio. “Faremo un’ordinanza, la priorità è quella di difendere Roma e il Lazio”, spiega l’assessore regionale alla sanità che annuncia il provvedimento volto a contenere i casi d’importazione in particolare dalla Romania. In questi giorni infatti in molti, a partire dalle badanti, stanno rientrando nel Lazio a bordo di pullman che fermano alla stazione Tiburtina.

A destare preoccupazione soprattutto chi lavora accanto agli anziani e alle persone più fragili che sono le categorie maggiormente a rischio per il Covid 19. In Lombardia, dove non si registrano decessi per il terzo giorno consecutivo, proseguono i controlli per evitare assembramenti. A Milano tredici persone sono state sanzionate perchè erano in metropolitana senza mascherina: la contravvenzione è di 400 euro, che scendono a 280 se pagata entro cinque giorni. A Roma sabato notte alcune piazze della movida sono state temporaneamente chiuse per il grande numero di persone che rendeva impossibile l’osservanza delle regole previste per tutelare la salute pubblica: dall’isolamento temporaneo della scalinata di piazza Trilussa ad altre località come piazza Bologna, piazza Madonna dei Monti, largo degli Osci e la Scalea del Tamburrino dove si è reso necessario allontanare oltre un centinaio di persone. A Fontana di Trevi, dove ormai i turisti tornano ad essere numerosi, i vigili invitano continuamente all’uso della mascherina pena l’essere allontanati dalla piazza. In tutta Italia proseguono i controlli per scongiurare eventuali focolai.

Nelle Marche una persona con i sintomi del coronavirus ha partecipato a una cena con altre 30 persone, e queste si trovano tutte ora in isolamento domiciliare; i tamponi diagnostici hanno accertato che nessuno al momento è positivo. Un altro, risultato con tampone positivo a Rimini, ma residente delle Marche, ha partecipato ad una festa sfociata nell’analisi di 70 tamponi di contatto che erano nello stesso locale, di cui 5 risultati positivi.

A Ischia, il titolare di un bar i cui dipendenti non indossavano la mascherina, è stato multato con 1.000 euro, secondo quanto previsto dall’ordinanza del governatore De Luca. Sanzioni anche per i dipendenti di quattro bar della movida di Bari, sempre per mancato uso di dispositivi di protezione individuale. Un nuovo cluster si registra in Torcana, in Mugello (Firenze): 7 i casi su 9 registrati nel Fiorentino e, come afferma l’assessore regionale alla salute, “dall’inizio del focolaio sono 176 ad oggi i contatti stretti individuati che sono stati sottoposti a obbligo di quarantena in Mugello.

Ma la situazione è sotto controllo e le procedure sanitarie stanno andando spedite”. Tra i casi del Mugello anche un animatore di un centro estivo per bambini e tra i piccoli ospiti un caso certo e uno da confermare. Intanto sono dieci, una in meno di ieri, le regioni in cui non ci sono pazienti in terapia intensiva: Toscana, P.A. Trento, Puglia, P.A. Bolzano, Umbria, Sardegna, Calabria, Valle d’Aosta, Molise e Basilicata. I tamponi effettuati nelle ultime 24 ore sono stati 40.526 (ieri erano stati 51.67). I pazienti ricoverati sono 735 (ieri erano 731).

CRONACA