Coronavirus: Veneto con Rt più alto, sopra 1 Campania e Sicilia. Quarantene o aumento rilevante casi

Redazione,  

Coronavirus: Veneto con Rt più alto, sopra 1 Campania e Sicilia. Quarantene o aumento rilevante casi

E’ il Veneto la regione con l’indice Rt piu’ alto in Italia secondo il monitoraggio settimanale dell’Istituto Superiore di Sanita’ e del Ministero della Salute, con un valore di 1.66. Seguono la Sicilia (1.55), la Campania (1.44), entrambe la scorsa settimana sotto il valore soglia di 1. La Lombardia e il Piemonte invece si attestano ad un valore inferiore: 0.96 per la prima e 0.87 per la seconda.I valori migliori si registrano in Calabria, Molise e Valle d’Aosta che segnano un indice di contagio a zero e la Basilicata a 0.04.

“Le stime Rt tendono a fluttuare in alcune Regioni/PPAA in relazione alla comparsa di focolai di trasmissione che vengono successivamente contenuti. Si osservano, pertanto, negli ultimi 14 giorni stime superiori ad 1 in otto Regioni dove si sono verificati recenti focolai. Seppur in diminuzione, in alcune realtà regionali continuano ad essere segnalati numeri di nuovi casi elevati. Questo deve invitare alla cautela in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di SARS-CoV-2 è ancora rilevante”. Questo il quadro Abruzzo 0.77 Basilicata 0.04 Calabria 0 Campania 1.42 Emilia Romagna 1.08 Friuli Venezia Giulia 0.41 Lazio 1.04 Liguria 1.25 Lombardia 0.96 Marche 0.87 Molise 0 Bolzano 1.07 Piemonte 0.87 Trento 1.34 Puglia 0.37 Sardegna 0.08 Sicilia 1.55 Toscana 0.7 Umbria 0.28 Valle d’Aosta 0 Veneto 1.66

Quarantene o aumento rilevante casi

Si ribadisce di rispettare i provvedimenti quarantenari, anche identificando strutture dedicate, sia per le persone che rientrano da paesi per i quali è prevista la quarantena, e sia a seguito di richiesta dell’autorità sanitaria essendo stati individuati come contatti stretti di un caso.In caso contrario, nelle prossime settimane, potremmo assistere ad un aumento rilevante nel numero di casi a livello nazionale” E’ quanto si legge nel monitoraggio settimanale condotto dall’Iss e dal ministero della Salute

CRONACA