Andrea Ripa

Il polo degli scontenti, tentativi di alleanza last minute a Poggiomarino

Andrea Ripa,  

Il polo degli scontenti, tentativi di alleanza last minute a Poggiomarino

I tempi per la presentazione delle liste elettorali e la raccolta delle firme da allegare agli schieramenti da proporre alla comunità stringono, pochi giorni prima di chiudere le candidature e prepararsi per l’imminente campagna elettorale. Il fermento politico che da giorni vive Poggiomarino, la città che torna al voto dopo la sfiducia ordita al sindaco del Pd Leo Annunziata da parte di nove consiglieri comunali, potrebbe portare ben presto a una svolta che rischia di «rovinare» i piani dei due candidati alla carica di primo cittadino che fino a questo momento sono stati ufficializzati dalle rispettive coalizioni: Giuseppe Annunziata per il centrosinistra e Maurizio Falanga per il centrodestra. Un terzo polo nascente, formato da tutti gli scontenti dei partiti, potrebbe nascere nelle prossime ore. E’ il desiderio di Marcello Nappo, medico e consigliere uscente, già candidato alla carica di sindaco nel 2016, e Rossella Vorraro, fino a qualche settimana fa indicata come la papabile sindaca di Forza Italia, salvo poi lasciare il gruppo dei berluscones dopo aver appreso che il coordinamento provinciale avrebbe appoggiato la candidatura di Falanga alle prossime elezioni comunali. Insieme a lei sono andati via dagli azzurri anche il leader cittadino Antonio Miranda e il leader del Forum dei Giovani Sandro Iorio, lasciando al candidato sindaco del centrodestra unitario il simbolo e pochi “aficionados” che hanno deciso di restare comunque nell’orbita forzista. I dialoghi tra il gruppo di Vorraro e Miranda e di Marcello Nappo, leader di Poggiomarino al Centro, sono cominciati giorni fa. Subito dopo l’inaspettata «fuga» dal partito di Silvio Berlusconi delle anime storiche. Confronti che sono proseguiti fino a qualche giorno fa, raffreddandosi soltanto per la pausa ferragostiana. I prossimi due giorni saranno fondamentali per capire se la nascita di un «eventuale» terzo polo alternativo ai due schieramenti già in campo può diventare realtà o se resterà un sogno di mezza estate. Resterà anche da capire quali saranno le strategie in tema di candidature per la scelta dell’aspirante primo cittadino di Poggiomarino: Marcello Nappo resta «l’usato sicuro», avendo già alle spalle una grande esperienza in politica e dopo aver ricoperto negli ultimi 4 anni l’incarico di consigliere di minoranza (tra i più critici della passata amministrazione), mentre puntare su Rossella Vorraro rappresenterebbe una «rischiosa novità» in una tornata elettorale che si preannuncia essere inedita visto il periodo storico che stiamo attraversando. Tra i «poli nascenti» per contrastare il dualismo politico tra le due forze in campo rappresentate da Maurizio Falanga e Giuseppe Annunziata resta una grande incognita: è quella rappresentata dall’ex primo cittadino di Poggiomarino, Vincenzo Vastola. Il commercialista prestato alla politica nelle scorse settimane, dopo aver fallito l’assalto per strappare una candidatura alle regionali, aveva annunciato di essere a capo di una coalizione civica. Ma ad oggi non ha ancora svelato le sue carte.

CRONACA