Salvatore Dare

Scuole, ecco il progetto anti Covid. Rush finale per adeguare le aule

Salvatore Dare,  

Scuole, ecco il progetto anti Covid. Rush finale per adeguare le aule

Quattro gli istituti comprensivi di Gragnano che, a breve, saranno occupati dai cantieri per ricavare nuove aule all’interno degli spazi esistenti in ogni scuola. Con i 160mila euro di fondi incassati dal Miur, l’amministrazione Cimmino, unitamente ai tecnici del Comune e ai dirigenti scolastici, è riuscita a redigere un piano straordinario.

Quello che è stato studiato e che sarà portato a termine prima dell’inizio dell’anno scolastico è l’abbattimento di tramezzi all’interno degli edifici così da ricavare più aule, prendendo, dove necessario, anche lo spazio occupato solitamente dai docenti, ovvero la sala riunioni. Lavori previsti alla Fucini-Roncalli, con la demolizione di tramezzi per la realizzazione di 4 aule. Per i plessi dell’istituto Gragnano3 sono previsti interventi non soltanto di abbattimento dei tramezzi per nuovi spazi didattici. Alla scuola di via Leopardi sarà rifatta l’intera copertura e impermeabilizzazione dell’edificio, oltre la sostituzione di infissi non più funzionanti. Ampliamento di aule per il plesso di via Staglie e per la scuola di via Calenda. Nuova aule al primo piano rialzato per il plesso di via Viviani. Per il secondo Circolo didattico è previsto l’ampliamento di due aule per la scuola di via Lamma, mentre per la scuola di via Veneto è prevista la realizzazione di un accesso alternativo degli alunni che comprenderà parte dell’area parcheggio adiacente l’edificio. Per il primo Circolo didattico, per il plesso di via Quarantola edificio Ungaretti è previsto un doppio uso dell’aula magna, con l’installazione di un divisore scorrevole così da poter utilizzare lo spazio sia come aule, sia anche per le riunioni del corpo docenti. La scuola Montessori, di via Volte, sarà interessata da abbattimenti di tramezzi al primo e al secondo piano, sempre per ricavare maggiore spazio per le aule. «Soprattutto in questo momento storico la nostra intenzione è quella di puntare ancora di più sulla co-organizzazione e co-gestione con gli istituti scolastici presenti sul territorio, per la riapertura in sicurezza dei plessi, nel rispetto delle modalità che saranno previste dal Miur. Con l’ausilio degli uffici comunali preposti, si gestiranno e riorganizzeranno eventualmente, ed in caso di scadenza, anche i servizi di mensa e trasporto scolastico (servizi a domanda in base al reddito), in virtù delle indicazioni e delle programmazioni nazionali e regionali che verranno attivate in un’ottica sussidiaria e di cooperazione con gli altri enti ed istituzioni interessate, ponendo l’obiettivo fondamentale di garantire le famiglie e gli alunni sul piano della sicurezza e dei bisogni educativi».

CRONACA