Andrea Ripa

San Giuseppe Vesuviano. Scuole, incubo Covid. Lavori alla De Amicis e veleni in Comune

Andrea Ripa,  

San Giuseppe Vesuviano. Scuole, incubo Covid. Lavori alla De Amicis e veleni in Comune

Il rientro in classe è previsto tra meno di un mese. Tra la confusione di un governo in panne sulle decisioni da adottare per la riapertura delle strutture scolastiche e le difficoltà delle amministrazioni comunali che dovranno adeguare gli edifici alle nuove normative per il rispetto del distanziamento sociale, c’è chi prova a «stare dietro» alle continue disposizioni per provare ad accumulare meno ritardi possibile e chiudere i cantieri prima che la campanella torni a suonare. A San Giuseppe Vesuviano sono cominciati da alcuni giorni i lavori per il rifacimento delle facciate della scuola media Ammendola-De Amicis, uno dei plessi storici del territorio che sta subendo anche interventi di restyling e adeguamento interno, dove saranno ricavate nuove aule da mettere a disposizione degli studenti in mascherina in vista delle prossime difficili settimane. E nell’annunciare l’apertura dei cantieri in via Marciotti il capo dell’amministrazione comunale, ancora scottato dalle pesanti critiche arrivate nei giorni scorsi per l’approvazione del bilancio consuntivo, non ha disdegnato frecciate nei confronti degli ex amministratori. «Le scuole della città, abbandonate per decenni, dalle precedenti amministrazioni, sono e resteranno una priorità mia e dell’amministrazione di San Giuseppe Vesuviano», ha fatto sapere il primo cittadino leghista della città vesuviana. Un messaggio, neanche tanto velato, agli ex sindaci Ivan Casillo e Antonio Agostino Ambrosio, oggi seduti in minoranza, che hanno firmato una dura relazione per “contestare” tutte le falle contenute nel rendiconto di gestione dell’anno finanziario 2019, dove è stato accertato un deficit strutturale e un disavanzo di oltre otto milioni di euro. «Qualcuno farà finta di non accorgersene, ma questi sono fatti. Come un fatto è il nostro impegno quotidiano, a 360 gradi, per la città e per l’edilizia scolastica. Sono iniziati, a tal proposito, presso la “Ammendola – De Amicis”, i lavori di rifacimento della facciata ed i lavori di adeguamento interno necessari alle riconfigurazioni degli spazi anti-covid. – dice ancora il segretario provinciale della Lega – Presto anche in altri istituti faremo i lavori. Capisco l’impazienza di tante persone, sono le stesse identiche preoccupazioni che ho io. Tuttavia, stiamo seguendo l’evolversi della situazione e confrontandoci da mesi con i Dirigenti Scolastici ed i loro staff». I primi confronti con insegnanti e dirigenti delle scuole del territorio erano cominciati già a inizio agosto, quando ancora non erano certi i tempi di rientro. Oggi che la Campania annuncia l’obbligatorietà della misurazione delle temperature per studenti e personale scolastico, il sindaco della città vesuviana è fiducioso sul completamento dei lavori in tutte le scuole del territorio. «Ci faremo trovare pronti, per quanto di nostra competenza, per garantire il meglio possibile agli studenti di San Giuseppe Vesuviano, ai nostri figli, nella consapevolezza che stiamo affrontando una sfida di portata storica».

CRONACA