Coronavirus: metà dei pazienti colpiti dal Covid-19 sono ancora positivi a 30 giorni dalla diagnosi

Redazione,  

Coronavirus: metà dei pazienti colpiti dal Covid-19 sono ancora positivi a 30 giorni dalla diagnosi

Uno studio italiano svela che il coronavirus impiega in media un tempo di 30 giorni dal primo tampone positivo ad essere eliminato dall’organismo – ovvero la metà dei pazienti è ancora positiva dopo 30 giorni dalla diagnosi – e 36 giorni dalla comparsa dei primi sintomi. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista BMJ Open e condotto dall’ Azienda Unità Sanitaria Locale – IRCCS di Reggio Emilia su un vasto campione di individui sintomatici risultati positivi al virus tra febbraio e aprile. È ancora poco chiara l’estensione del periodo in cui il soggetto resta contagioso dal momento della diagnosi.

L’Oms raccomanda 13 giorni di isolamento dalla comparsa dei sintomi del Covid e 10 dalla data del tampone positivo in una persona asintomatica. “In Italia – spiega uno degli autori dello studio, Francesco Venturelli, del Servizio di Epidemiologia dell’azienda sanitaria emiliana – adottiamo un protocollo più stringente che prevede la necessità di ottenere consecutivamente due tamponi negativi per uscire dall’isolamento.

Dai risultati dello studio – continua l’epidemiologo – emerge che circa la metà dei pazienti è ancora positiva a 30 giorni dal primo tampone”. Eseguire un nuovo tampone dopo 2 o 3 settimane dalla diagnosi si associa a un rischio elevato di ‘falsi negativi’ (in un caso su 5), ovvero di avere esito negativo per un tampone non confermato dall’esame successivo.

CRONACA