Tiziano Valle

Poggiomarino. Il killer di Luana incastrato dalle telecamere

Tiziano Valle,  

Poggiomarino. Il killer di Luana  incastrato  dalle telecamere

Le immagini lo incastrano, nonostante avesse detto di non aver visto Luana. Infatti, c’è un video che riprende la donna mentre si dirige in direzione della baracca tra San Valentino e Poggiomarino dove viveva Nicola Del Sorbo, l’uomo con il quale aveva una relazione e che ai carabinieri aveva affermato che quel pomeriggio del 23 luglio scorso non aveva visto, nè sentito la 31enne di San Valentino Torio. Una dichiarazione del 34enne originario di Angri, che contrasta proprio con il contenuto di quelle immagini Ha raccontato di averla uccisa colpendola alla gola con un coltello da cucina. Poi ha avvolto il corpo in una coperta e l’ha gettato in un pozzo. Il cadavere di Luana Rainone, 31 anni di San Valentino Torio, è stata ritrovata all’alba di venerdì nelle campagne di Poggiomarino. A confessare l’omicidio è stato  Nicola Del Sorbo  che aveva indicato ai carabinieri dove si trovava il corpo di Luana. Oggi è attesa la convalida del fermo giudiziario davanti al gip del Tribunale di Nocera Inferiore dove il 34enne originario di Angri dovrebbe dare ulteriorispunti all’indagine dopo aver confessato il femminicidio. Da Poggiomarino dove è stato prelevato, è stato trasferito in caserma a Nocera.

Prove e filmato alla mano, dopo la confessione gli uomini dell’Arma, coordinati dalla Procura nocerina, hanno subito raggiunto la zona, via Fontanelle, indicata Del Sorbo e nel pozzo hanno fatto la macabra scoperta. La donna presentava diversi tagli sul corpo compatibili con un’arma tagliente e per recuperare il cadavere è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco ed una pala meccanica.  Parte del suo racconto sembra anche essere stato riscontrato dall’autopsia eseguita dal medico legale Giuseppe Consalvo: il colpo mortifero sarebbe stata la coltellata alla gola, le altre invece sarebbero servite solo a sfigurare il corpo. Che sia lui l’autore del delitto non ci piove, restano da smussare alcuni dettagli che potrebbe lui stesso fornire al gip oggi durante l’interrogatorio di garanzia. Per gli inquirenti Del Sorbo avrebbe avuto la violenta relazione dopo che Luana aveva a lui mostrato un sms dal cellulare nel quale la donna aveva chiesto esplicitamente “ o me o tua moglie” e alla risposta negativa la 31enne non avrebbe esitato di scagliargli contro il telefonino, causando la violenta reazione del 34enne.

La difesa invece parla di un rapporto consumato dopo aver fatto uso di cocaina e terminato con la coltellata alla gola dopo le pressanti richieste della 31enne. Oggi alle 11  nella chiesa dedicata a Maria Santissima della Consolazione, saranno celebrati i funerali della vittima, a qualche chilometro di distanza, nel carcere di Fuorni, invece ci saranno la convalida dell’arresto e ulteriori dichiarazioni del reo confesso.