Elena Pontoriero

Gragnano. Pioggia di fondi al Comune: si riparte dalla cultura

Elena Pontoriero,  

Gragnano. Pioggia di fondi al Comune: si riparte dalla cultura

Gragnano si posiziona sul trampolino di lancio per il grande salto nel mare della cultura, sfoggiando un Brand per incassare il titolo di Città Enogastronomica. Lo slancio è arrivato con la pioggia di fondi incassati per tre progetti, rientrati nell’elenco dei finanziabili sia nella lista della Città Metropolitana sia anche nella graduatoria della Regione Campania. In particolare, il Comune di Gragnano è riuscito a intercettare i fondi e conquistare le commissioni esaminatrici, con gli eventi da farsi: Gragnano Street art Festival; Gragnano Enogastronomica 2020 Eccellenze e Premio Pasta di Gragnano. «A causa della pandemia ancora in corso, alcuni progetti sono stati rimodulati, ma avranno come unico filo conduttore la promozione del territorio sia in termini di prodotti enogastronomici sia anche legati alla storia e alle tradizioni», precisa il vicesindaco Nello D’Auria. Una tappa importante, dunque, raggiunta dalla città, che servirà per un rilancio economico che partirà dalla cultura. Intanto, al Comune si continua a lavorare per la realizzazione di una piattaforma istituzionale che racchiuderà tutte le informazioni utili per chi raggiunge Gragnano. Un sito internet per la promozione dell’incoming, per garantire un soggiorno facilitato per i turisti che scelgono di soggiornare a Gragnano. Ovviamente nella vetrina virtuale ci sarà posto per tutte le attività produttive del territorio, per dare rilievo, appunto, alle eccellenze locali. A questo si aggiunge il Festival dello Street Art, che avrà di base opere d’arte realizzate con il simbolo della nostra città: la pasta e non solo. In questa cornice, poi, si inserisce il Premio Pasta di Gragnano che, quest’anno, avrà come tema la ricerca scientifica. «Credo che scegliere di puntare su un nostro Brand possa riaccendere l’economia locale, da anni mortificata da una crisi che ha inghiottito l’Italia intera. Progetti che avranno come protagonisti i giovani, affiancati dagli esperti gragnanesi che potranno tramandare loro i segreti della nostra terra», replica il sindaco Paolo Cimmino. Un bottino non da poco entrato nelle casse comunali che servirà alla copertura degli eventi in programma, per rilanciare la città già da dicembre 2020. Facendo due conti, dalla Città Metropolitana di Napoli si è incassata la somma complessiva di € 55.000,00, per il progetto Gragnano Street art festival. La giunta regionale della Campania ha detto un sì del valore di € 69.000,00, per il progetto Gragnano Enogastronomica 2020 Eccellenze. L’ultimo tesoretto da € 150.000,00, per il Premio Pasta di Gragnano, arriva invece dalla Direzione Generale per le Politiche Culturali e il Turismo – Promozione e valorizzazione delle attività artistiche e culturali della Regione Campania.