Torre Annunziata, la strategia del «quarto sistema»: bombe per abbattere i Gionta e i Gallo-Cavalieri

Redazione,  

Torre Annunziata, la strategia del «quarto sistema»: bombe per abbattere i Gionta e i Gallo-Cavalieri

Camorra, la risposta dello Stato a Torre Annunziata: 12 arresti, smantellato il clan «Sauriell-Scarpa»
Torre Annunziata. La lettera-rabbia dopo le bombe: ««Odio la camorra: lo Stato deve liberarci»

Torre Annunziata. Il nuovo clan è in aperto e dichiarato contrasto con quelli storicamente egemoni in zona, Gionta e Gallo Cavalieri. Le indagini hanno avuto inizio lo scorso 12 febbraio a seguito di alcuni episodi di esplosione di colpi d’arma da fuoco a Torre Annunziata e Boscoreale verso le porte delle abitazione di alcuni pregiudicati ed in Piazza Giovanni XXIII a Torre Annunziata. Episodio che evidenziava lo scontro in atto tra un gruppo di giovanissimi legati al clan Gionta ed esponenti del gruppo del Penniniello, composto da pregiudicati tutti residenti nell’omonimo quartiere di Torre Annunziata.

Successivamente, le indagini sono state intensificate a seguito del ferimento, avvenuto lo scorso 24 marzo, del pregiudicato Alfonso Scoppetta, cugino di Domenico Balzano, leader del sodalizio criminale . Le indagini, condotte dal Commissariato di Polizia e dal Nucleo Investigativo di Torre Annunziata, coordinate dalla Procura della Repubblica – DDA di Napoli, hanno consentito di individuare l’esistenza e la composizione del nuovo sodalizio criminale che ha l’obiettivo principale di acquisire l’egemonia nelle attività estorsive condotte ai danni di imprenditori operanti sul territorio.

In tale contesto, tra l’altro, l’attentato con esplosione di una bomba carta ai danni della rivendita di autovetture “AD Cars” avvenuto lo scorso 5 giugno.

CRONACA