Salvatore Dare

Sorrento, incontro Gargiulo-Fiorentino per cercare l’accordo al ballottaggio: si tratta l’alleanza

Salvatore Dare,  

Sorrento, incontro Gargiulo-Fiorentino per cercare l’accordo al ballottaggio: si tratta l’alleanza

Sorrento. Un incontro cordiale, dai toni distesi e collaborativi, con l’obiettivo comune di valutare l’ipotesi di unirsi e trovare un accordo politico verso il ballottaggio. E’ quello che si è svolto stamattina a Sorrento tra il candidato sindaco Mario Gargiulo (sostenuto da cinque liste civiche) e l’ex primo cittadino Marco Fiorentino (che ha ottenuto il 17 per cento dei voti al primo turno). Sul tavolo la possibilità di firmare un’intesa politica e allearsi nella sfida contro l’altro candidato sindaco arrivato al ballottaggio, ovvero Massimo Coppola.

Il summit si è svolto presso il comitato elettorale di Gargiulo, in viale Caruso, a quattro passi da piazza Tasso. Nella riunione, Gargiulo era affiancato dal fratello Albino Gargiulo e dall’ex assessore e consigliere provinciale Raffaele Apreda (sostenitore di Gargiulo), mentre dall’altra parte erano presenti Fiorentino e l’ex presidente del consiglio comunale Mario Acampora (padre di Adolfo, secondo più votato della lista “Sorrento tua” di Fiorentino). Gargiulo è giunto secondo al primo turno con Coppola in vantaggio di 376 preferenze. In tal senso ha tentato di avanzare un approccio con Fiorentino e lavorare su questo canale. Insieme si è discusso di programmi, convergenze politiche e indicazioni pure sulla nuova giunta da disegnare in caso di vittoria: ci saranno tecnici, aldilà di un eventuale accordo.

Tutto è in gioco. L’intesa però non è cosa fatta. Anzi, sia nel gruppo di Gargiulo sia in quello di Fiorentino ci sono fortissime resistenze, dovute anche al fatto che in caso di apparentamento qualche eletto di Gargiulo perderebbe margini di manovra. Coppola, dal suo canto, che prima del voto, stando ai rumors, aveva allacciato un ampio dialogo proprio con Fiorentino, è alla finestra e conta di convincere eletti ed elettori di Fiorentino a votarlo, senza però stringere apparentamenti né fornire ruoli ufficiali, in prima persona, all’ex sindaco.

 

++DETTAGLI DOMANI IN EDICOLA SU METROPOLIS++

CRONACA