Andrea Ripa

Elezioni a Terzigno. Ranieri stronca il patto tra Aquino e Pagano

Andrea Ripa,  

Elezioni a Terzigno. Ranieri stronca il patto tra Aquino e Pagano

A 24 ore dal patto per il ballottaggio tra Aquino e Pagano, la forbice di vantaggio sui cui poteva contare Francesco Ranieri, si è inevitabilmente ridotta. Il bottino di preferenze del leader di Forza Italia è destinato a ridurre un gap e sostenere il candidato delle civiche delle larghe intese in una rimonta per mandare a casa il primo cittadino uscente. A stroncare un accordo nato solo per “interessi di poltrone” è proprio il primo cittadino uscente, che per 70 voti non è riuscito a vincere al primo turno. «Aquino si è attorniato di tutte quelle persone che a suo dire erano la peggiore classe dirigente. Le stesse persone che, a suo dire, hanno mandato nel baratro questo Comune. Noi abbiamo fatto una scelta di squadra, una scelta di coerenza. Avessimo fatto l’accordo con Stefano Pagano, saremmo stati più tranquilli. Ma alla fine abbiamo deciso in maniera democratica, di continuare da soli». Ma non è l’unica critica che muove Ranieri, che ad Aquino rimprovera anche i punti principali di un programma che, dice, assomiglia molto al suo. «Nel programma del mio competitor non fa altro che riportare le opere già  realizzate dal sottoscritto o quelle già finanziate da questa amministrazione. Ieri ho visto che si parlava di area di insediamento produttivo, abbiamo sottoscritto l’accordo con l’Asi. – dice in una diretta sui social – Abbiamo già parlato con la Regione per ottenere i fondi. Poi i soldi della scuola, abbiamo avuto un altro tassello fondamentale. Si parla di riqualificazione dello stadio comunale e noi abbiamo ricevuto il finanziamento. Ho letto del Matt, che pure abbiamo realizzato noi. Abbiamo già la maggioranza dei consiglieri, è mancato pochissimo per vincere al primo turno. Siamo gli unici che possono amministrare e continuare un percorso cominciato nel 2015».

CRONACA